Falsa Erica, pianta e proprietà

erica pianta proprieta

Falsa Erica, piante e proprietà. Informazioni sulla fioritura, la coltivazione e tutti i benefici dell’Erica, la pianta arbustiva ricca di fiori.

La falsa erica è una pianta dal portamento arbustivo, famosa per le sue proprietà benefiche ma anche per le sue abbondanti fioriture.

Erica o falsa erica

In realtà, quando si parla di erica si fa riferimento a circa 700 specie botaniche differenti, tutte dello stesso genere, quello delle Ericacee. Queste piante sono tutte sempreverdi a portamento arbustivo. Molte specie sono coltivate per la bellezza dei fiori.

Erroneamente, nel gergo quotidiano, con il termine erica andiamo a segnalare un’unica specie, la Calluna vulgaris. La calluna vulgaris, faceva parte del genere Erica perché condivideva le medesime caratteristiche botaniche, di recente, la calluna, appartiene a un genere a se stante e così è stata soprannominata falsa erica.

Nonostante la classificazione tassonomica, per vivaisti e comuni amatori, la calluna continua a chiamarsi erica, solo i più esperti la riconoscono con la corretta tassonomia.

Erica, coltivazione della pianta

L’erica è una pianta arbustiva molto rustica, quindi, se coltivata in ambienti compatibili al suo habitat naturale, non ha bisogno di cure. Molte specie di Erica sono originarie dell’Europa, in particolare delle regioni del Mediterraneo.

Questa pianta cresce bene nei terreni acidi e magri delle nostre colline. Presenta piccole foglie a forma di ago, lunghe dai 2 ai 15 mm (la calluna presenta foglie più piccole, inferiori ai 2-3 mm).

La fioritura è molto abbondante. Quando fiorisce l’erica? Il periodo di fioritura varia da specie a specie, tuttavia, se parlando di erica facciamo un generico riferimento alla Calluna, questa specie fiorisce orientativamente verso il mese di giugno.

Differenze tra erica e calluna

La calluna ha  foglie più piccole (inferiori a 2-3 mm) e la corolla e il calice sono divisi in quattro parti (si tratta di un tetramero) e non il 5 parti come con l’Erica (nell’erica la corolla e il calice dei fiori fa a formare un pentamero).

Nonostante queste differenze, spesso, erica e calluna vengono confuso e chiamate indiscriminatamente Erica. La calluna, dai più esperti, è chiamata falsa erica oppure brugo. Molti utenti (anche vivaisti!) addirittura identificano la calluna con il nome di erica selvatica generando ulteriore confusione.

E’ il brugo (calluna o falsa erica) ad annoverare un gran numero di proprietà benefiche.

Falsa erica, proprietà

La falsa erica, detta anche brugo o calluna è un rimedio naturale molto usato per contrastare la cistite. Per chi ne soffre abitualmente, può essere usata per il mantenimento di una profilassi preventiva del tutto naturale.

Contro la cistite, potete preparare un decotto di erica (falsa erica) facendo bollire a fuoco lento, circa 20 grammi di sommità fiorite in un litro d’acqua. La decozione dovrà durare circa 10 minuti.

Trascorsa l’attesa, lasciate riposare per qualche minuto, giusto il tempo di intiepidirsi. Filtrate e bevete nella dose di 3 tazze al giorno. Potete dolcificarla con del miele o della stevia, un buon dolcificante naturale. Seguite questo trattamento naturale per una settimana.

La falsa erica è una pianta ottima per depurare l’organismo e disintossicare fegato e reni. Anticamente, nel Medioevo, l’erica calluna era usata per “rompere i sassi della vescica”, cioè per aiutare a espllere i calcoli.

I fautori dei rimedi naturali, per eliminare i calcoli renali e per contrastare i calcoli alla cistifellea (e la conseguente infiammazione nota come colecisti), consigliano un decotto molto concentrato. In questo caso, il decotto si prepara facendo bollire per 7 – 8 minuti, 15 grammi di pianta in un litro d’acqua da filtrare e consumare in 2 – 3 tazze al giorno. Il trattamento dovrebbe durare un mese.

Ricordiamo che qualsiasi rimedio naturale non si può sostituire al parere del medico di fiducia. Prima di usare decotti e erbe per curarsi in autonomia, bisogna consultare il proprio medico curante per valutare ogni caso specifico.

Nella foto in alto, si nota la struttura tetramerica dei fiori della falsa erica o calluna.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra lecerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Ti potrebbe interessare anche

Piante perenni: elenco e caratteristiche

Pubblicato da Anna De Simone il 3 dicembre 2016