Elettrodomestici sostenibili

Dallo scorso gennaio è entrata in vigore la nuova direttiva europea Erp (Energy Related Product) grazie alla quale è possibile classificare gli elettrodomestici in base al consumo dell’energia. Cosa c’è di nuovo? Sono cambiati i requisiti minimi di efficienza energetica e la direttiva Erp ha determinato una nuova scala di energia che resterà in vigore fino al 2019. Da un punto di vista energetico, gli elettrodomestici sostenibili sono quelli a più basso consumo.

La vecchia classificazione del consumo di energia era basata su sette classi, dalla classe A (a maggior risparmio energetico) alla classe G (a minore risparmio energetico), con la nuova direttiva Erp, sono state eliminate le classi G, F ed E, perché elettrodomestici di questo genere sono troppo energivori e non sono più idonei per il mercato.



Gli elettrodomestici sostenibili fanno sicuramente parte dell’ampliamento della classe A che arriva a comprendere le classificazioni A+, A++ e A+++. In sostanza, in etichetta, gli elettrodomestici sostenibilisi distinguono per la dicitura A + + +. L’entrata in vigore di questa normativa permetterà ai consumatori di scegliere meglio e di avere maggiori garanzie sui prodottti acquistati, con un risparmio sulla bolletta del 20% circa.

La sostenibilità di un prodotto non verte esclusivamente sul suo consumo energetico, ci sono altri parametri cruciali che vanno dalla sua filiera produttiva fino allo smaltimento. A questo proposito è nato il registro EPEAT, uno strumento utile agli utenti che vogliono analizzare l’impatto ambientale di un elettrodomestico. L’EPEAT (Electronic Product Environmental Assessment Tool) analizza l’intero ciclo di vita di un prodotto.

Solo negli Stati Uniti, dal 2006, gli acquirenti che hanno scelto prodotti certificati EPEAT hanno dato un grosso aiuto all’ambiente. La scelta di prodotti presenti nel registro EPEAT ha fatto risparmiare tante emissioni quante ne avrebbero prodotti 11 milioni di veicoli in transito negli USA in un solo anno!

In sostanza, un utente che è interessato ad acquistare elettrodomestici sostenibili può consultare il registro EPEAT, può escludere a priori gli elettrodomestici privi di etichetta energetica perché obsoleti e può prediligere gli elettrodomestici di classe A + + +. Per quanto riguarda i climatizzatori, il WWF ha allestito un registro dettagliato che può aiutare gli utenti a effettuare una scelta ponderata.

Pubblicato da Anna De Simone il 29 aprile 2013