Controsoffitto multifunzione con LED

controsoffitto con led

Il controsoffitto con led può rendere la casa più moderna e accompagnare gli abitanti lungo percorsi di luce integrata proprio nel soffitto. In questa pagina vedremo come realizzare un controsoffitto e vi daremo alcune idee per sfruttarlo al meglio sia per l’integrazione dell’impianto di illuminazione a LED, sia per l’alloggiamento di altri sistemi impiantistici.  Non mancherà un video per il montaggio fai da te.

Il controsoffitto ci consente di variare l’altezza di una stanza mediante la realizzazione di un ribassamento costituito da pannelli di cartongesso. Per tutte le informazioni sulla posa del controsoffitto, su una corretta realizzazione e sugli spessori da usare per renderlo termoisolante, vi rimandiamo alla pagina Come realizzare un controsoffitto. Nel presente articolo ci soffermeremo sugli impianti da integrare nel controsoffitto, prima tra tutti, il sistema di illuminazione a LED.

Oltre a consentirci di gestire al meglio l’altezza, il controsoffitto conserva diversi vantaggi. Il controsoffitto può svolgere anche una funzione tecnica per l’alloggiamento di elementi dell’impianto di climatizzazion, diversi tipologie di corpi per l’illuminazione (faretti, LED…), l’impianto acustico per la filodiffusione… In più, il controsoffitto ci facilita nell’intento di realizzare una parete divisoria, ancora meglio se a scorrimento con un doppio pannello (in legno, in vetro, specchiato…) che va a dividere due differenti ambienti.

Nel controsoffitto si possono ritagliare differenti spessori e realizzare delle forme geometriche da valorizzare con dei faretti a led anche di tipologie e colori differenti. Per esempio, in camera da letto, in corrispondenza al grande letto matrimoniale, si potrebbe ritagliare nel soffitto un quadrato che va a diminuire di spessore man mano che dalla testate del letto ci si sposta nella parte terminale. Per farvi una vaga idea della struttura appena descritta potete dare un’occhiata all’immagine di apertura dell’articolo come realizzare un controsoffitto dove il ritaglio decorativo nel controsoffitto è posto in cucina, all’altezza del tavolo da pranzo.

Controsoffitto con led

Impianto di illuminazione a LED integrato nel controsoffitto
Immaginate due lunghi tagli luminosi che dall’alto convergono verso l’ingresso della camera da letto disegnando un triangolo di luce proprio nel soffitto. Parliamo di un’originale soluzione che consente di installare strisce luminose a LED su tutta la lunghezza del soffitto e questa possibilità è data dallo spessore che ci siamo intagliati con il controsoffitto

L’impianto di illuminazione a LED integrato nel controsoffitto svolge diverse funzioni: rende l’ambiente moderno, svolge una funziona estetica facendo sembrare gli ambienti più spaziosi e può mettere in risalto determinati elementi della camera.  L’impianto di illuminazione a LED integrato nel controsoffitto torna utile per individuare un percorso verso la zona notte, per illuminare determinate zone della stanza o per realizzare giochi di luce.

Basta una striscia di faretti a LED dal diametro di 2 cm per realizzare un percorso di luce lineare e dalla lunghezza variabile in base alle dimensioni della stanza. Le strisce a LED possono muoversi lungo il perimetro di una stanza oppure creare punti di risalto personalizzati. Faretti, strisce a led, strip led di vario spessore, punti luce… le forme sono altamente personalizzabili. Per le istruzioni per il montaggio di un profilo luminoso a LED nel cartongesso del controsoffitto vi rimandiamo al video presente al termine di questa pagina.

Controsoffitto con impianto di climatizzazione canalizzato

Così come l’impianto acustico per la filodiffusione, anche l’impianto di climatizzazione può essere alloggiato nel controsoffitto. Tutti sappiamo che il sistema di climatizzazione funziona grazie a uno split interno e a una macchina esterna, in genere posta fuori la finestra o sul balcone, con l’impianto canalizzato l’unità interna è nascosta nel controsoffitto e riesce a erogare calore (o aria fresca) attraverso dei bocchettoni presenti in ogni stanza.

La temperatura si può regolare mediante telecomandi singoli in grado di governare individualmente la fuoriuscita dell’aria dalle bocchette. In questo modo, ogni camera avrà la sua temperatura ideale: per la gestione della temperatura, a livello di ogni bocchetta sono montate delle sonde che possono funzionare come termostati. Al pari dell’impianto di riscaldamento, anche un impianto canalizzato così descritto può essere gestito in remoto mediante l’ausilio di termostati wifi che ci permettono di regolare la temperatura di casa dallo smartphone.

Ti potrebbe interessare anche LED blu: caratteristiche

Pubblicato da Anna De Simone