Come pulire il nasello

Come pulire il nasello

Come pulire il nasello: istruzioni per pulire il nasello per poi proseguire alla cottura al forno (al cartoccio) o in umido. Come eliminare la lisca e come cucinare il nasello intero. Consigli per pulire il nasello surgelato o fresco pescato.

Il nasello è apprezzato per le sue carni digeribili e tenere. La carne di nasello ha un sapore molto delicato tanto che può essere protagonista di abbinamenti insoliti.

In genere per pulire il pesce occorre un coltello per sfilettare e delle pinze per rimuovere le lische, per pulire il nasello, invece, ti basteranno le mani!

Nasello: pesce

Il Nasello è un merluzzo? No, come i merluzzi, il pesce Nasello non appartiene alla famiglia dei Gadidi, tuttavia fa ugualmente parte dello stesso raggruppamento tanto che all’estero il Nasello è conosciuto con il nome di “Merluzzo Europeo”. E’ infatti tra i pesci più pescati nei nostri mari.

Viene venduto intero, la taglia minima legale vede una lunghezza di 20 cm ma in commercio si trovano esemplari di circa 30 cm.

Nasello surgelato

In commercio è facile trovare il nasello surgelato, generalmente commercializzato già pulito. Sconsiglio l’acquisto di nasello surgelato perché si trova fresco tutto l’anno, come premesso è tra i pesci più pescati dei nostri mari e basta fare una passeggiata presso qualsiasi mercato ittico per trovarne in abbondanza, in qualsiasi periodo dell’anno.

Come pulire il nasello surgelato? Come premesso, quando acquistato surgelato, il nasello è già pulito. Il pesce viene pulito prima di essere congelato. Se hai bisogno di eliminare la lisca o le pelli, ti invito ad attendere i tempi di scongelamento e proseguire così come descritto nel paragrafo successivo.

Come pulire il nasello

Nel pulire il nasello dovrai prestare attenzione: questo pesce presenta carni bianche molto fragili, per lo stesso motivo ti consiglio di cucinare il nasello al forno o in umido, il nasello non si presta a cotture più aggressive.

Nasello, come pulirlo: per prima cosa, incidi il ventre usando delle forbici appuntite. Apri il ventre e svuota delicatamente estraendo le viscere per poi proseguire a estrarre la sottostante lisca.

Il nasello è facile da diliscare: la lisca è molto compatta e a differenza di altri pesci, non avrai bisogno di pinze per eliminare eventuali lische rimaste nella polpa.

La lisca va rimossa delicatamente, con le mani. Dovrai poi eliminare anche le branchie e sciacquare accuratamente il pesce sotto acqua corrente.

Come togliere la pelle al nasello? Si tratta di un pesce dalle carni delicate e piuttosto fragili, la rimozione della pelle va fatta dopo la cottura per evitare di rovinarne le carni. In più, calcola che ti ritrovi con un pesce di 20 – 30 cm e molto esile, se proprio vuoi togliere la pelle, conviene cuocere il nasello intero per poi rimuoverla con delle pinze, solo quando la cottura sarà ultimata.

Si può sfilettare il nasello? Il nasello è un pesce esile, se avete voglia di un filetto di pesce, puntate al merluzzo che si trova facilmente in taglie più grandi. Il nasello ha un diametro contenuto e, piuttosto che sfilettarlo, è sempre consigliata l’estrazione delle lische così come spiegato in precedenza.

Solo se il nasello è particolarmente grande ti consiglio di tagliarlo a metà per ricavarne due filetti.

Come cucinare il nasello intero

Una volta pulito, potrai proseguire alla cottura del nasello in forno o in umido. Cosa vuol dire in umido? Che potrai sbollentarlo, cuocere il nasello al vapore oppure con un sugo bianco o rosso, così come preferisce il tuo palato.

Come cucinare il nasello intero? Fai soffriggere 2 cucchiai di olio, aggiungi qualche pomodorino fresco molto maturo (o pomodoro in barattolo), polpa di aglio (ti serve uno schiaccia aglio), capperi e olive nere. Fai cuocere il nasello per 10 minuti con coperchio, nel sugo così preparato.

Come cucinare il nasello al forno? Per preservare l’integrità delle carni ti consiglio di cuocere il nasello al cartoccio, magari con patate, zucchine e carote tagliate finemente, oppure, anche in questo caso, con qualche pomodorino, olive e odori. Via libera anche all’abbinamento olive e zucchine.

Consiglio dello chef per la cottura del pesce intero, nasello compreso: per insaporire il pesce, puoi strofinare nel suo ventre del prezzemolo e dell’aglio e inumidirlo con del vino bianco prima della cottura. 

Può essere utile: come riconoscere il pesce fresco

Pubblicato da Anna De Simone il 7 maggio 2018