Come pulire il legno

Come pulire il legno

Come pulire il legno: dai taglieri in legno ai complementi d’arredo (tavoli, sedie, porte…). Dal legno naturale a quello laccato. Istruzioni e consigli utili.

Come pulire porte di legno

Potete pulire una porta di legno così come un tavolo o le persiane, con una semplice soluzione data da parti uguali di acqua calda e aceto bianco. Il panno impiegato deve essere appena umido e va passato seguendo il percorso e la direzione delle venature del legno.

Se il tavolo o la porta presenta delle rigature  o graffi, potete seguire i consigli visti nella guida Come togliere i graffi dal legno.

Macchie sul legno

La guida completa è disponibile qui: come eliminare le macchie dal legno

Come pulire tavolo in legno

La soluzione di acqua e aceto, come premesso, può essere impiegata per ogni superficie in legno così come visto per i rimedi atti a eliminare i graffi e le rigature dal legno.

Se il tavolo presenta delle sedie di legno in abbinamento, potete pensare di rinnovarle seguendo la nostra guida su come rinnovare una sedia di legno.

Come pulire persiane di legno

Le persiane, dato che sono a diretto contatto con l’esterno, prima di subire il processo di pulizia con un panno umido (inumidito con una soluzione di acqua e aceto) devono essere attentamente spolverate con un panno asciutto.

Attenzione! Per mobili, persiane, tavoli e porte

Quando si tratta di complementi d’arredo, più che una semplice pulizia, per ottenere risultati soddisfacenti, potete eseguire una lucidatura.

Per lucidare complementi d’arredo (persiane, tavoli, mobili, sedie e porte) è possibile usare la gommalacca. La gommalacca può essere applicata con un pennello anche se si consiglia di eseguire un’attenta rifinitura con un tampone o uno stoppino.

Per l’impiego della gommalacca e per altri metodi di lucidatura naturali (con oli, cere e fai da te), vi rimandiamo alla guida Come lucidare il legno.

Come pulire un tagliere in legno

Il legno, se non trattato, tende ad assorbire i liquidi quindi è indispensabile avere tre taglieri diversi per evitare contaminazioni alimentari. Un tagliere per il pesce, uno per le carni e uno per le verdure.

Nel pulire il tagliere bisogna fare molta attenzione perché il legno non assorbe solo i liquidi alimentari ma anche l’acqua impiegata per la sua pulizia e con essa i detergenti disciolti. Poggereste mai del cibo su un piano da lavoro sporco di detersivo? No?! Allora perché dovreste tagliare i vostri alimenti su una tavola di legno contenente del detersivo? E’ chiaro che per pulire un tagliere di legno non si può usare alcun detergente chimico ma potete usare un buon numero di detergenti naturali come:

  • – perossido di idrogeno (acqua ossigenata)
  • – succo di limone
  • – aceto
  • – bicarbonato di sodio
  • – sale.

Alcune istruzioni le troverete nel paragrafo dedicato alla pulizia naturale del legno, mentre un buon approfondimento è disponibile nel nostro articolo guida come pulire il tagliere.

Come pulire il legno laccato bianco

Chi è a caccia di rimedi naturali per la pulizia del legno laccato può contare sull’aceto che oltre a pulire può restituire il vecchio colore brillante lucido. Le istruzioni sono contenute nell’articolo come pulire il legno con aceto.

Come pulire il legno in modo naturale

Nei paragrafi successivi vedremo una serie di rimedi naturali per la pulizia del legno che possono essere applicati per qualsiasi complemento d’arredo. Molti consigliano di pulire il legno con una banana ben matura o lucidare il legno laccato con una noce, questo genere di pratiche non è molto efficace mentre è del tutto sconsigliato tentare di pulire il legno di mobili, tavoli e porte con ammoniaca, alcol, soda caustica o acqua ossigenata.

Pulire il legno con acqua e aceto

L’aceto può essere usato per pulire il legno laccato e il legno naturale. Le istruzioni da seguire sono semplici:

  • – prendete uno straccio imbevuto di una soluzione data da parti uguali di acqua calda e aceto.
  • -Passate lo straccio sulla superficie del legno da pulire. In caso di legno naturale, seguite le venature del legno.
  • -Ripassate subito con uno straccio morbido e asciutto.

Per lucidare il legno, piuttosto che acqua e aceto, dovete usare olio appena tiepido e aceto. Anche in questo caso dovete seguire la direzione delle venature del legno.

Aceto e acqua per pulire pavimenti in legno e parquet: versate 50 ml di aceto bianco e un cucchiaio di sapone di Marsiglia in scaglie in un secchio contenente 4 litri di acqua tiepida. Mescolate bene gli ingredienti per far sciogliere il sapone di Marsiglia. Ricordate di strizzate bene il panno prima di passarlo, in generale, il legno non ama molto l’acqua.

Pulire il legno con bicarbonato

Il bicarbonato è un ottimo alleato quando si tratta di pulire un tagliere di legno o un pavimento di legno o parquet.

I segni lasciati dalle sedie e dalle scarpe sui pavimenti in legno ma anche su porte e mobili, possono essere rimossi sfruttando una soluzione di bicarbonato di sodio.

Come fare? Aggiungete del bicarbonato di sodio nei punti interessati e spruzzate una soluzione data da acqua tiepida e aceto al 50%. Lasciate agire per un paio di minuti per poi rimuovere il tutto con uno strofinaccio.

Pulire il legno con acqua ossigenata

L’acqua ossigenata può essere usata come detergente per la pulizia del legno a contatto con gli alimenti (piano da lavoro, taglieri…). Il suo impiego per la pulizia del legno non è consigliato in quanto si usa prevalentemente per sbiancare il legno.

Se tentate di usare l’acqua ossigenata per pulire un tavolo di legno, soprattutto se a 130 volumi, finireste con il fare più danni che altro.

Pulire il legno con ammoniaca

Come per l’acqua ossigenata, anche l’ammoniaca non è ben vista dal legno che caratterizza i complementi d’arredo del nostr ambiente domestico. L’ammoniaca tende a scurire il legno, oltre che asportare la vernice, quindi usate l’ammoniaca solo se volete imbrunire la tonalità del legno o rimuovere lo strato superficiale di vernice.

Pulire il legno con alcool

L’alcol è il terzo “ingrediente naturale” da evitare sul legno. E’ vero che può essere un buon disinfettante ma non va usato per la pulizia dei complementi d’arredo. Evitate di pulire il legno con l’alcool a meno che non si tratti di un tagliere in legno naturale e, in questo caso, va usato alcol a uso alimentare diluito con acqua.

Pulire il legno con la soda

La soda caustica non può essere usta per pulire il legno a meno che il vostro scopo non sia quello di sverniciare una porta o un tavolo di legno. La soda caustica è altamente corrosiva e va usata con cautela, rappresenta una soluzione rapida per sverniciare la superficie del legno ma non di certo per la sua pulizia.

Pubblicato da Anna De Simone il 6 marzo 2016