Come lucidare l’oro in casa

come lucidare l oro

Come lucidare l’oro in casa: istruzioni su come si pulisce l’oro bianco, giallo o rosa. Consigli e suggerimenti per un fai da te efficace e senza controindicazioni.

Gli amanti della sostenibilità ambientale saranno contenti a scoprirlo: l’oro, in casa, si pulisce meglio con un panno naturale realizzato al 100% in cotone morbido.

Nella maggior parte di casi, per pulire e lucidare l’oro basterà impregnare un panno di cotone morbido con una soluzione di acqua e sapone di Marsiglia. Strofinate dolcemente il vostro gioiello in oro con il panno imbevuto di acqua e sapone e poi asciugatelo con un altro panno di cotone morbido asciutto e pulito.

Se questo processo non dovesse funzionare, in commercio vi sono dei prodotti specifici per la pulizia e la lucidatura dell’oro bianco o giallo. Si tratta di panni morbidi impregnati di un agente lucidante e pulente; i migliori prodotti in commercio riescono anche a svolgere un’azione protettiva. Tra le varie opzioni proposte dal mercato vi segnaliamo gli stracci in stoffa Jewellery: una confezione da 2 stracci (già impregnati per pulire e lucidare l’oro) è proposta su Amazon al prezzo di 8,95 euro con spese di spedizione gratuite.

Link utile da Amazon: 2 panni per la pulizia dell’oro Jewellery.

Se l’oro è entrato in contatto con altri metalli o materiali, potrebbe presentare delle macchie verdi o di colore scuro. In questo caso il panno per la pulizia dell’oro potrebbe non bastare. In commercio esistono prodotti chimici in pasta, spray, a immersione… Si tratta di prodotti tutti più o meno validi.

I prodotti in pasta possono essere più comodi in caso di spille in oro a forma di giglio, rosa, fiore o ricche di angoli nascosti. Ugualmente validi sono i prodotti per lucidare l’oro a immersione, hanno il vantaggio di essere più rapidi da usare, più efficaci ma vedono più sprechi. Anche in questo caso vi segnaliamo un prodotto da Amazon: polish per oro e argento a immersione, si compra al prezzo di 16,15 euro con spedizione gratuita.

Come conservare correttamente i gioielli in oro

Per prevenire l’opacizzazione dell’oro, vi consigliamo di evitare di utilizzare profumi e creme quando li indossate, oppure se proprio non riuscite a farne a meno, potete prendere l’abitudine di lavare i vostri gioielli in oro almeno una volta al mese, sempre impiegando acqua tiepida e sapone di Marsiglia. Conservate i gioielli in oro in sacchetti morbidi di cotone o velluto, evitate di tenerli nelle scatole e soprattutto in cassetti e armadi umidi.

Come lucidare l’oro in casa con il fai da te

Fin ora abbiamo parlato di prodotti utili per la pulizia dell’oro ma ci sono rimedi naturali fai da te a costo zero. Questi rimedi sono adatti solo in caso di oro puro, non gioielli bagnati nell’oro ne’ in caso di gioielli con perle, rubini e altre pietre preziose che potrebbero rovinarsi.

La bollitura può essere un metodo naturale per pulire l’oro: l’oro non fonde alla temperatura di 100°C mentre l’acqua bollente andrà a spazzare via la sporcizia che negli anni si è accumulata sui nostri gioielli.

A questo punto, prendete un panno di cotone puro e morbido e asciugateli. Se sono presenti ancora delle impurità, ripetete il procedimento aggiungendo all’acqua un po’ di sapone di Marsiglia.

Anche l’alcol denaturato può tornare utile per pulire l’oro e anche questa volta vi tornerà utile il panno in cotone morbido per strofinare e lucidare l’oro.

Ricordate che se desiderate un gioiello pari al nuovo, non c’è rimedio naturale che tenga: rivolgetevi al vostro orafo per una lucidatura professionale o un secondo bagno.

Evitate di pulire l’oro con aceto o bicarbonato. L’aceto può opacizzare l’oro e il bicarbonato è più adatto alla pulizia dell’argento; per approfondire vi invitiamo a visitare la pagina come pulire l’argento con bicarbonato.

Pubblicato da Anna De Simone il 19 luglio 2016