Come gonfiare le ruote della macchina

Come gonfiare le ruote delle macchina

Come gonfiare le ruote delle macchina: le istruzioni per gonfiare le gomme auto con il compressore o semplicemente dal benzinaio. La pressione giusta dei pneumatici e consigli utili.

Per preserva la sicurezza e la stabilità del veicolo, sarà necessario, periodicamente, controllare la pressione dei pneumatici gonfiare le ruote della macchina così da portarle al valore ideale.

Pressione pneumatici: quali sono i valori ideali?

Le ruote della macchina, per garantire tempi di frenata ottimali e buoni consumi, devono essere gonfiate alla giusta pressione. Una delle unità di misura per indicare i valori delle pressione è il bar. Ogni produttore di auto, per le sue gomme, prescrive dei valori di pressioni ottimali. In linea di massima, la giusta pressione delle gomme auto va dai 2 ai 2,4 bar, ma per alcuni veicoli si spinge fino ai 3 bar.

Può esserci anche una leggera differenza tra la pressione delle ruote anteriore e quella posteriore.

Per conoscere il livello di pressione ideale prescritto dalla casa automobilistica per quel determinato veicolo, potete consultare il libretto del veicolo.

Per assicurarsi di gonfiare le ruote della macchina alla giusta pressione bisognerà dotarsi di un manometro. Chi vuole gonfiare le gomme auto dal benzinaio vedrà il manometro agganciato direttamente alla pistola del compressore.

Come misurare la pressione pneumatici

Per misurare la pressione delle ruote dell’auto non dovrete fare altro che allacciare il rilevatore (manometro) alla ruota. La misurazione della pressione delle gomme auto dovrebbe essere eseguita con veicolo a freddo. Per questo motivo, bisognerebbe lasciare la vettura a motore spento per qualche ora prima di rilevare la misura della pressione pneumatici.

Se volete gonfiare le ruote della macchina con il compressore, magari in garage a casa vostra, dovrete acquistare un manometro.

Il costo di un manometro varia molto, “a questa pagina Amazon” potete dare un’occhiata alle varie offerte e modelli.

In alcuni casi, il manometro è ancorato direttamente alla pistola del compressore (questi modelli sono più costosi), una pistola con manometro digitale dall’ottimo rapporto qualità prezzo e soprattutto con ottime recensioni utenti, si può comprare su Amazon al prezzo di 32,96 euro e spese di spedizione gratuite. Per tutte le info sul prodotto citato potete visitare “questa pagina Amazon“.

Ogni quanto tempo bisogna gonfiare le ruote della macchina?

Ogni quando controllare o gonfiare le gomme auto? Con l’uso, la pressione delle gomme auto tende a scendere, si consiglia di controllare la pressione e gonfiare le ruote ogni due o tre mesi.

Come gonfiare le ruote delle macchina

Controlla prima la pressione delle ruote dell’auto, in base al livello rilevato, aggiungi l’adeguata quantità di aria.

Come gonfiare le ruote dell’auto? 

  • Togliete i tappi alle valvole delle gomme e metteteli da parte.
  • Prendete la pompa del compressore (anche quella del benzinaio), questa deve essere compatibile con la valvola Schrader.
  • Gonfiate ogni ruota collegando la pompa alla valvola. Avviate il compressore o il dispenser del benzinaio.
  • Allungate il la pompa fino alla valvola e, mantenendo il tubo in posizione attendete che il flusso d’aria riempia la gomma.
  • Quando il compressore è in funziona, noterete una forte rumore.

Durante l’erogazione, tenete ben salda la pompa fissandola nel tubo della valvola. Chi è alle prime armi, potrebbe avere problemi a direzionare il flusso d’aria, se sentite che il flusso d’aria spruzza all’esterno della valvola, fermatevi e agganciate meglio la pompa.

Per portare la gomma a pressione, potrebbero bastare anche solo 10 – 15 secondi. Ricordate che anche pochi centesimi di atmosfera possono fare la differenza. Sappiate che gli studi di settore hanno dimostarto che per ogni 0,21 bar al di sotto del limite suggerito, il veicolo consuma l’1% di carburante in più mentre l’usura delle gomme aumenta fino al 10%.

Potrebbe essere utile: come gonfiare le ruote della bicicletta.

Pubblicato da Anna De Simone il 6 aprile 2018