Come eliminare le efelidi, rimedi naturali

Come eliminare le efelidi: tutti i rimedi naturali per schiarire le macchie del sole che appaiono su viso, braccia, schiena e altre parti del corpo.

Efelidi, cosa sono

Le efelidi sono macchie di melanina di diverse tonalità di marrone che compaiono sulla pelle quando ci esponiamo troppo alla luce del sole.

Le troviamo su viso, naso, braccia, schiena…. Quando ci si abbronza, si è spesso soggetti alla comparsa delle efelidi. Si ingrandiscono o diventano più scure

In genere, una pelle delicata è maggiormente esposta alla comparsa delle efiledi. Interessano, soprattutto, le persone con carnagione chiara, occhi chiari e capelli rossi o biondi. Non rappresentano una malattia, ma appartengono alla categoria dei disturbi cutanei benigni che non provocano alcun problema di salute

Come eliminare le efelidi, rimedi naturali

Non sempre è possibile rimuovere le efelidi, soprattutto se la causa è di natura genetica o indotta da altri fattori che non hanno a che vedere con la troppa esposizione al sole. Tuttavia, esistono dei trattamenti per rendere le efelidi meno evidenti e, in alcuni casi, eliminarle ed evitare che ne compaiano altre.

Esfoliante naturale

Ecco alcuni ingredienti per realizzare  un’ottimoesfoliante naturale da applicare sulle zone interessate una volta alla settimana. Vediamo di quali ingredienti si tratta:

  • Bicarbonato di sodio
  • Zucchero
  • Sale
  • Fondi di caffè
  • Interno della buccia dell’ananas

Gli ingredienti citati si rivelano davvero efficaci nell’eliminare le cellule morte che si accumulano sullo strato superficiale della pelle. Se si tratta della pelle del viso, è bene operare in modo delicato, mescolando l’esfoliante con il gel di aloe vera o con un olio vegetale.

Trattamento a base di fragola e limone

Per eliminare le efelidi, possiamo realizzare in casa un rimedio a base di due ingredienti molto efficaci contro le macchie: è il caso della fragola e del limone.

Cosa ci occorre:

  • Fragole fresche
  • Succo di limone

Come procedere

  1. Frullare le fragole fresche fino a ottenere un composto omogeneo
  2. Trasferire il composto in una terrina poi aggiungere il succo di limone
  3. Mescolare per bene fino a a ottenere un composto omogeneo
  4. Versare il composto all’interno di alcuni stampi per ghiaccio così da ottenere porzioni pronte all’occorrenza
  5. Per l’applicazione, prendere i cubetti dal congelatore e massaggiare per qualche minuto il viso o la zona in cui sono presenti le efelidi
  6. Lasciare che i residui di frutta restino sulla pelle per altri 10 minuti mentre si asciuga
  7. Lavare e idratare la pelle con una crema naturale

Rigenerazione della pelle

Dopo aver esfoliato le pelle e impiegato i rimedi naturali sopra citati, sarà nostra cura favorire la rigenerazione cellulare della pelle. A tal proposito vi consigliamo i seguenti ingredienti

  • Olio di rosa mosqueta, aiuta la rigenerazione e la cicatrizzazione della pelle e previene le rughe.
  • Aloe vera, ha proprietà lenitive, rigeneranti e idratanti.

Possiamo realizzare un composto naturale con questi due ingredienti e conservarlo per qualche giorno in frigo.

Attenzione al sole

Se si seguono tutti questi consigli,, continuando tuttavia ad esporsi troppo al sole, sarà molto difficile riuscire ad eliminare le efelidi in maniera definitiva.

NOTA BENE: prendere il sole può essere salutare a patto che si faccia con moderazione. Consigliamo di farlo per almeno 10 minuti al giorno, durante le prime ore del mattino o le ultime ore del pomeriggio.

Efelidi e alimentazione

Secondo la medicina tradizionale cinese, le efelidi, che sono molto frequenti soprattutto durante l’infanzia, sono correlate ad un eccesso di carboidrati, soprattutto monosaccaridi e bisaccaridi.

Tra questi, citiamo lo zucchero bianco, il miele, il lattosio e il fruttosio. A molte persone, infatti, scompaiono con il passare del tempo, cosa che potrebbe anche confermare questa relazione con l’alimentazione.

A questo punto, nulla ci vieta di prestare attenzione alla nostra alimentazione per ridurre la presenza di efelidi.

Altri articoli correlati che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Anna De Simone il 29 agosto 2017