Lentiggini efelidi: differenze

 

Lentiggini efelidi

Lentiggini efelidi, facile confonderle, difficile nasconderle. Vediamo che caratteristiche hanno, le une e le altre, perché piacciono e perché non piacciono, e come eventualmente mascherarle in modo naturale e senza che la pelle ne risenta.



Lentiggini efelidi

Quando mettiamo a confronto lentiggini efelidi, vediamo che le seconde hanno un colorito più chiaro e variano il proprio aspetto di stagione in stagione. In estate sono più visibili, per via del sole che agisce sulla pelle, in inverno possono quasi diventare invisibili, inoltre applicando creme schiarenti e peelings leggeri, possono migliorare.

Le lentiggini, a differenza delle efelidi, non scompaiono nel periodo invernale, sono permanenti, e la variazione stagionale è poco percepibile. Il dermatologo può intervenire per eliminare anche le lentiggini, ma con il laser o la diatermocoagulazione.

Lentiggini efelidi

Lentiggini efelidi: differenza

Si tratta in entrambi i casi di macchioline cutanee, a prima vista sono simili ma guardate meglio possiamo distinguerle.

Le efelidi si presentano come piccoli puntini brunastri, più o meno rotondeggianti, piatti, mai in rilievo. Si formano per via di un aumento della concentrazione di melanina dovuta al fatto che la produzione di pigmento si fa irregolare con l’azione dei raggi ultravioletti presenti nelle radiazioni solari.  Le efelidi si ereditano dai genitori, soprattutto se siamo di pelle chiara e capelli biondi o rossi, e compaiono anche dai 2 anni in poi nelle zone esposte alla luce come il volto, il torace e gli arti superiori, oltre al collo.

Le lentiggini sono discromie cutanee di tipo ipercromico, legate ad un aumento del numero di melanociti negli strati basali dell’epidermide. La melanina, prodotta in quantità superiore, si concentra in alcune cellule che poi formano le lentiggini. Se le efelidi sono sempre piatte, le lentiggini possono anche essere leggermente rilevate, il loro colore varia dal marrone chiaro a quello scuro, la forma non è solo quella rotonda.

La comparsa delle lentiggini non dipende da dove batte il sole, di solito si è cosparsi di queste macchioline in ogni dove anche se si notano di più in viso e su spalle, arti superiori e dorso delle mani.

Lentiggini efelidi

Lentiggini efelidi, lentigo solari

Quando si parla di lentiggini efelidi, viene spontaneo raccontare anche di lentigo solari. Molto meno note come nome ma non meno diffuse. Si tratta di macchie di forma irregolare e dimensione variabile, gialle ma con sfumature tendenti al bruno, spesso situate nelle aree di pelle più esposte alle radiazioni solari. Spuntano quando ci si espone al sole senza le adeguate protezioni e ci si scotta anche.

Non tutti quelli che fanno così, si vedono spuntare queste lentigo solari, capita spesso a chi ha più di 50 anni perché ha un lento turnover cellulare, l’unico modo per limitare la comparsa di queste piccole macchie è quello di proteggersi dal sole in modo corretto.

Lentiggini efelidi freddo

Al freddo, quindi in inverno, lentiggini efelidi si comportano in modo differente e se si è dei buoni osservatori, si può arrivare a distinguerle. In inverno le efelidi possono addirittura sparire, le lentiggini invece restano tali e quali.

Lentiggini efelidi

Lentiggini efelidi al sole

Al sole le macchioline sembrano più evidenti che mai. Che siano lentiggini o efelidi, spesso emerge la voglia di liberarsene e lo si può fare scegliendo la modalità che si preferisce. Per le efelidi, troviamo numerosi consigli nell’articolo da noi pubblicato in merito. Anche on line troviamo prodotti di qualità come questo “quick and easy” efficace nel rimuovere dalla pelle le macchie e prevenirne la ricomparsa.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 18 agosto 2017