Come costruire un acquario

Costruire un acquariofai da te” è un progetto gratificante che può dare molte soddisfazioni. E’ molto facile allestirne uno in vetro. Nel presente articolo vi spiegheremo come costruire un acquario con quattro semplici mosse.

Se decidete di costruire un acquario si sconsiglia di allestire quello marino, soprattutto se si tratta della vostra prima esperienza. L’acquario marino comporta  una dedizione e manutenzione continua, inoltre ha un costo molto elevato per via della gestione complessa della salinità dell’acqua e per i pesci più costosi e delicati, pertanto più bisognosi di cure.

Si consiglia di iniziare con un acquario di acqua dolce non troppo grande, per prendere confidenza con l’acquariologia, meglio imparare a costruire un acquario che si può gestirne tutte le fasi di manutenzione. Al massimo, si può scegliere una vasca standard della capacità di 250 lt e dalle dimensioni 100X50X50 cm.

Materiale occorrente per la costruzione di un acquario:

  • Due lastre, frontale e posteriore (100X50X1 cm), due lastre laterali (48X49X1 cm) e una lastra di fondo (100X48X1 cm). Precedentemente tagliate in vetreria.
  • Acetone.
  • Un sigillante silicone atossico al 100%.
  • Un rotolo di carta assorbente.
  • Filtro completo di pompa e spugnetta.
  • Timer per l’accensione delle luci.
  • Lampade con lampadine da 11 W.
  • Impianto per l’anidride carbonica con bomboletta.
  • Pomice bruna.
  • Sabbia di fiume.
  • Sacchetto di materiale di fondo per acquari.
  • Legni fossilizzati.
  • Pietre.
  • Piante da acquario.

Costruire un acquario, prima fase.
Costruzione della vasca:

Prima di posizionare le lastre, è fondamentale pulire e sgrassare i vetri che devono essere incollati. Per questo è consigliabile l’acetone che oltre a pulire, sgrassa le superfici del vetro. Senza toccare assolutamente con i polpastrelli delle mani le superfici pulite, si potranno posizionare i vetri e incollarli con il silicone.

Posizionare la lastra di fondo su un piano completamente asciutto, di conseguenza posizionare verticalmente i vetri laterali e frontali senza andare a gravare sul vetro del fondo con l’aiuto dello squadro.

Quando le lastre saranno giustamente posizionate si incolleranno i vetri con il silicone, aiutandoci con la pistola e facendo attenzione di non lasciare bolle d’aria tra i due vetri.

Lasciare che il silicone si asciughi per 24 ore. Successivamente, togliere con una lametta o con l’acetone, le eccedenze sulla parte esterna e interna delle incollature.

Costruire un acquario, seconda fase.
Allestimento della vasca

Si procede al montaggio delle lampade per prima cosa. Successivamente si passerà all’allestimento del fondo con materiale da fondo, pomice bruna e sabbia di fiume. Infine sistemazione dell’impianto per l’anidride carbonica e preparazione del filtro.

Costruire un acquario, terza fase.
Piantumazione

Bagnare il fondo con almeno 5 centimetri d’acqua e sistemare le piante a proprio piacimento. Le piante alte e che hanno una crescita abbastanza veloce verranno posizionate  nella parte posteriore.

Mentre invece per quanto riguarda le parti laterali della vasca, queste zone devono essere occupate da vegetali di media taglia e a foglie larghe. Infine la parte anteriore dell’acquario sarà riservata a tutte quelle piante o meglio piantine di piccola taglia che crescono lentamente e non ostruiscono la vista. Successivamente riempire l’acquario con dell’acqua mantenendo una temperatura costante di 25 gradi e un apporto costantedi anidride carbonica.

Costruire un acquario, quarta fase.
Sistemazione dei pesci

Attendere almeno una settimana affinché si possano formare nel filtro quei microrganismi per la vita dei pesci. Infine, finalmente sistemare i vostri ospiti acquatici.

Ti potrebbe interessare anche

Pomodoro di mare: ricette

Pubblicato da Anna De Simone il 7 marzo 2012