Come coltivare lamponi

come coltivare i lamponi

Come coltivare lamponi in giardino o in vaso: varietà e istruzioni alla coltivazione delle piante di lampone. Dal raccolto al periodo migliore per la semina o la messa a dimora.

Il raccolto dei lamponi va eseguito a maturazione completa, quando i frutti si filano dal ricettacolo con estrema facilità, la grande soddisfazione del raccolto può essere “assaporata” coltivando piante di lampone in giardino.

Quando piantare i lamponi: il periodo migliore

La messa a dimora della pianta del lampone va terminata entro aprile. E’ possibile scegliere tra diverse varietà. Per semplicità, le varietà di lampone si possono differenziare in due grandi classi, le unifere e le rifiorente.

I lamponi uniferi fioriscono solo una volta producendo frutti solo tra maggio e luglio. Chi ha la possibilità di coltivare solo una pianta di lampone, potrà puntare, invece, alla varietà rifiorente. I lamponi rifiorenti (anche noti come biferi) esprimono una prima produzione tra maggio e luglio e una seconda produzione di frutti tra agosto e ottobre.

Le piante di lampone si possono comprare presso i consorzi agrari e i vivai più forniti o sfruttando la compravendita online. A “questa pagina Amazon” è possibile trovare piante di lampone sia rifiorenti che unifere. Per esperienza personale consiglio le piante di lampone dei Vivai Le Georgiche, ma sentitevi liberi di scegliere il rivenditore e le varietà che più vi interessano!

Lamponi, varietà

Come premesso, i lamponi possono essere raggruppati in due grandi classe di varietà. Se vi ritrovate presso un vivaio sprovveduto, ecco come capire quali sono le varietà unifere o rifiorente. Tra le unifere:

  • Malling promise
  • Malling exploit
  • Willamette
  • Malahat
  • Radboud
  • Glen ample
  • Tulameen
  • Shoenemann
  • Niniane rubaca
  • Cascade delight

Tra le varietà rifiorenti possiamo segnalare:

  • Himbo
  • Heritage
  • Autumn bliss
  • Polka
  • Sugana

Vi ricordo che i consorzi agrari e i vivai possono selezionare anche varietà in proprio. Queste segnalate sono solo alcune delle varietà registrate a livello commerciale ma non sono di certo le uniche.

Come potare i lamponi

La potatura del lampone coltivato in vaso o in giardino, è un processo fondamentale per garantire una buona produzione e salvaguardare le piante dalle malattie.

Il periodo migliore per la potatura cade appena dopo il raccolto.

Come potare le piante di lamponi? La potatura del lampone prevede l’eliminazione dei tralci dell’anno precedente che nella varietà rifiorente coincidono con i tralci del secondo anno che hanno già esaurito la produzione. Il taglio va effettuato rasente al ceppo.

Non vanno tagliati, invece, i tralci formatisi nel corso della primavera che concorreranno a fornire la seconda produzione a partire, nel caso delle varietà a maturazione precoce, dalla terza decade di agosto.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo sull’integratore Raspberry Ketone.

Come coltivare lamponi

Prima e durante il periodo di raccolta è necessario eseguire lo sfalcio dell’erba degli interfilari, tale operazione è necessaria per favorire la ventilazione delle piante e facilitare il lavoro alla raccolta.

  • Tagliare all’altezza del ceppo dei tralci vecchi che hanno prodotto l’anno precedente (si riconoscono subito perché sono secchi, hanno dimensioni consistenti e delle desquamazioni oltre che distacchi di parti di corteccia).
  • Per ogni ceppo, selezionare 5-6 tralci (i più sani) ed eliminare i superflui. In questo modo, la pianta di lampone concentrerà la produzione sui 5-6 tralci di un anno più vigorosi.
  • I tralci selezionati dovranno essere fissati con legacci di plastica morbida ai fili inferiori e superiori che fungono da sostegno alla spalliera. In questo modo la pianta di lampone crescerà con apertura a ventaglio,  ideale per aumentare la produzione dei piccoli frutti.
  • I tralci selezionati dovranno essere spuntati:
    -13 cm al di sopra del filo superiore nel caso del lampone unifero
    -al di sotto del racemo posto più vicino al suolo nel caso del lampone rifiorente.

Come coltivare il lampone, l’irrigazione

Bisogna evitare l’irrigazione a pioggia o a spruzzo in quando può favorire la comparsa di marciume da botrite o muffa grigia sui frutti. Nelle coltivazioni professionali, le piante di lampone vanno irrigate con il sistema a goccia con ala gocciolante autocompensante con fori distanti 20 o 30 cm e pressione d’esercizio inferiore a 1 bar. In ambito domestico andrà bene qualsiasi sistema di irrigazione che fornisce acqua direttamente a livello del suolo.

Come coltivare lamponi in vaso

Per la coltivazione del lampone in vaso, seguite le stesse istruzioni viste in precedenza. Cercate di preferire una varietà rustica (più resistente) e compatta. Il vaso va posizionato in un posto soleggiato e riempito con terreno ben drenante e soprattutto ricco di sostanza organica.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato: Come coltivare le more di rovo

Pubblicato da Anna De Simone il 21 gennaio 2018