Come coltivare la mimosa

Come coltivare la mimosa

Come coltivare la mimosa: quando trapiantare la mimosa e come curarla. Dalla potatura alla coltivazione in vaso. Come e quando fare il rinvaso, che concime usare e quando potare.

Mimosa, acacia dealbata

La mimosa è una pianta che sviluppa spledidi capolini floreali piumati dal colore giallo intenso e dal piacevole profumo. Questa pianta, non solo offre una splendida fioritura ma è molto decorativa anche per le sue foglie verde argenteo particolarmente ornamentali.

E’ adatta alla coltivazione in giardini di medio-grandi dimensioni in quanto può raggiungere un’altezza compresa tra gli 8 e i 15 metri. Presenta una chioma molto ampia e scomposta.

Come coltivare la mimosa

La mimosa è una pianta delicata. Chi abita nel Settentrione d’Italia dovrebbe optare per la coltivazione della mimosa in vaso.

E’ vero, la mimosa è molto coltivata lungo la Riviera ligure, in Toscana e sulle coste dei laghi del nord, tuttavia è altrettanto vero che se la pianta è tenuta per lunghi periodi esposta a temperature inferiori allo zero, muore. Chi abita in zone di montagne o dove gli inverni vedono temperature, per lunghi periodi, inferiori allo zero, dovrà coltivare la mimosa in vaso.

Via libera alla coltivazione della mimosa in giardino (in piena terra) per chi abita nel Meridione e nelle zone a clima temperato d’Italia.

Prima di piantare la mimosa, lavorate profondamente il terreno e rendetelo fresco e soffice. Questa pianta preferisce terreni freschi, ben drenati e tendenzialmente acidi. Solo con un terreno moderatamente acido e ben fertile, la pianta riuscirà a restituire una splendida fioritura.

Come trapiantare la mimosa

Se avete appena acquistato un esemplare di mimosa e vi state chiedendo come effettuare il trapianto, non temete, si tratta di un’operazione semplice.

In base alla grandezza della pianta di cui disponete, eseguite uno scavo. La buca dovrà essere abbastanza ampia e profonda da incorporare l’intero pane di terra che avvolge l’apparato radicale. Anzi, ancora più profondo così da accogliere del concime naturale.

Incorporate, nella buca d’impianto, del letame ben maturo o del compost ricco di materia organica.

Irrigate copiosamente la mimosa così da facilitare l’estrazione del pane di terra dal vaso. Rimuovete poi il terreno in eccesso, non attaccato alle radici. Meglio eliminare quanto più terreno vecchio possibile, facendo sempre attenzione a non danneggiare l’apparato radicale. A questo punto, interrate il pane di terra portando il terreno a livello del colletto, cioè il punto di intersezione tra tronco e radici. Compattate il terreno e, se necessario, aggiungete ulteriore terriccio.

In caso di terreno sabbioso, aggiungete del terriccio universale o ulteriore compost.

Quando piantare la mimosa

Il periodo migliore per piantare la mimosa in giardino cade in primavera, in questo modo la pianta riuscirà a sviluppare un apparato radicale abbastanza forte e resistere all’inverno successivo.

Mimosa, rinvaso

Per rinvasare la mimosa dovete seguire le istruzioni viste per il trapianto. Cioè, anche in questo caso, per facilitare l’estrazione del pane di terra dal vecchio contenitore, dovrete irrigare abbondantemente il terreno. Il terreno, saturo d’acqua, consentirà una più semplice estrazione del pane di terra dal vaso.

Rimuovete poi il terreno in eccesso, quello che non aderisce saldamente alle radici e trasferite la pianta in un vaso dalle dimensioni leggermente maggiori.

Quando rinvasare la mimosa

In autunno o verso febbraio, ma badate bene a controllare l’andamento climatico della stagione, un rinvaso tardivo potrebbe pregiudicare la capacità della pianta di fiorire. Per evitare problemi alla fioritura, vi consigliamo di eseguire il rinvaso nel periodo autunnale.

Come coltivare la mimosa in vaso

La mimosa vuole un’esposizione soleggiata o a mezz’ombra. Per capire quando arriva il momento del rinvaso, controllate il foro di scolo del vaso, quando da questo buco intravedete le radici, vorrà dire che la pianta necessita di un rinvaso.

Mimosa, cure della pianta

La pianta di mimosa, quando è giovane, ha bisogno di un tutore così da crescere eretta. In assenza del tutore il fusto potrebbe crescere inclinato.

Mimosa, potatura

Quando potare la mimosa? Il periodo migliore per la potatura cade al termine della fioritura, potete accorciare fino a 1/3 i rami e recidere completamente rami morti o danneggiati dal gelo.

Per il significato del fiore e altri dettagli sulla pianta vi rimandiamo alla pagina dedicata alla mimosa.

Pubblicato da Anna De Simone il 22 febbraio 2018