Coda cavallina, proprietà e impieghi

coda cavallina

Coda cavallina: proprietà benefiche e rimedi naturali a base di Equiseto dei campi. Principi attivi e informazioni utili.

L’Equiseto dei campi (Equisetum arvense), meglio conosciuto come erba cavallina, è una pianta erbacea perenne dalle notevoli proprietà benefiche. L’erba cavallina può essere usata per la preparazione di diversi rimedi naturali da usare in ambito domestico o nell’orto.


L’erba cavallina è divenuta famosa per i principi attivi contenuti in foglie, fusto e radici. L’Equiseto, nella medicina tradizionale austriaca, era usata per bagni e impatti, come trattamento dei disturbi della pelle, per curare problemi ai reni, alle vie urinarie e come rimedio per reumatismi e gotta.

Tra i principi attivi citiamo l’acido silicico (fino al 15%), l’equisetonina (un glucoside terpenico delle saponine), flavonoidi, piccole quantità di alcaloidi, sali di potassio, sali di alluminio, sali di manganese e altre sostanze minerale. Questi sono solo alcuni dei composti attivi presenti negli apparati vegetali dell’equiseto, vi sono anche resine, acido ascorbico e molti altri acidi organici.

Per la preparazione di rimedi omeopatici è molto diffuso l’impiego del fusto sterile. Il fusto si raccoglie in estate e a seguito di essiccazione, viene triturato e ridotto in polvere per poi essere usato. A detta degli esperti, l’erba cavallina possiede notevoli proprietà curative: riuscirebbe a rallentare la fuoriuscita di sangue in caso di emorragia grazie a proprietà antiemorragiche e emostatiche. Grazie alle presunte proprietà cicatrizzanti, caso di ferite lievi, l’erba cavallina potrebbe velocizzare il processo di guarigione.

Preparati a base di coda cavallina sono usati per le proprietà diuretiche e remineralizzanti. L’equiseto sembrerebbe essere un antico rimedio naturale per lenire i sintomi della tubercolosi polmonare.

I classici rimedi della nonna, vedono sfruttare l’erba cavallina per preparare impacchi atti a eliminare geloni e altre irritazioni cutanee. L’erba cavallina sembrerebbe molto utile per chi vuole rinforzare le unghie in modo naturale.

Non solo rimedi omeopatici, nel settore della cosmesi naturale, gli estratti di equiseto rientrano tra gli ingredienti usati per la formulazione delle creme antirughe, sembrerebbe che i principi attivi contenuti in questo vegetale riuscirebbero a rallentare l’invecchiamento della pelle. Sempre in ambito cosmetico, l’erba cavallina è sfruttata per le sue proprietà anticellulitiche.

In agricoltura biodinamica, l’Equiseto è usato per arrestare lo sviluppo eccessivo di muffe e funghi in zone eccessivamente acquose: l’elevato contenuto di silice nella pianta riduce gli effetti dell’umidità.

Pubblicato da Anna De Simone il 17 giugno 2015