Black and Tan Coonhound: allevamenti

Black and Tan Coonhound

Black and Tan Coonhound, cane segugio made in USA di taglia media che cade nella categoria morfologica dei braccoidi e guardandogli il muso un po’ si capisce. E’ un animale dal fisico proporzionato e solido, sia nel carattere che nella struttura del corpo non c’è dubbio che debba appartenere al gruppo dei segugi e cani per piste di sangue. E’ agile e veloce ma questo non lo rende certo meno potente di tanti suoi colleghi magari dalla muscolatura meno asciutta.



Black and Tan Coonhound cane da procione

Non è strano e non è un segno di disattenzione il fatto che non conosciate il Black and Tan Coonhound come razza, se così effettivamente è, perché solo recentemente è stata riconosciuta dalla Federazione Cinofila Internazionale. Può anche essere che ne abbiate sentito parlare come “Cane da procione”.

Nonostate sia “fresco” di investitura ufficiale, questo cane ha origini antiche ma è sempre stato poco conosciuto e diffuso nel nostro continente. Tra gli esperti ci sono quelli che ritengono discenda dal Talbot, detto Segugio inglese, importato anni fa in America.

Black and Tan Coonhound

Black and Tan Coonhound: carattere

Prima di fare la conoscenza di questa razza, cominciamo a tener presente che siamo di fronte ad un cane da lavoro, quindi stakanovista, resistente a ogni clima e fatica e anche a ogni terreno, anche se impervio.

Questa vita dedita al lavoro, non ha reso il Black and Tan Coonhound rude o asociale,, la sua espressione è attenta ed amichevole e si mostra affettuoso con il proprio padrone. E’ ovviamente ubbidiente e non è mai aggressivo, capisce subito la situazione, è veloce di testa e di gambe e non ci tradisce mai.

Black and Tan Coonhound

Black and Tan Coonhound cuccioli

I cuccioli di Black and Tan Coonhound hanno dimensioni medie come medie sono le dimensioni degli esemplari adulti, sempre in scala. L’altezza al garrese, media, va dai 63 cm ai 68 cm, per i maschi, per le femmine poco meno, e il peso “balla” dai 25 ai 35 Kg.

La struttura di questo segugio americano è equilibrata ma robusta, il fisico è potente e si sviluppa mostrando un torace profondo e un dorso con una dolce inclinazione dal garrese alla groppa. Gli arti anteriori e posteriori sono diritti e muscolosi, con “piedi di gatto” dotati di cuscinetti plantari spessi. Prima della testa, guardiamo la coda che è forte e piuttosto spessa, di solito portata liberamente.

Il muso, quindi, ha una forma cesellata, lo stop è abbastanza marcato ma non troppo, il tartufo è ben aperto e sempre di colore nero, il tutto considerando che il cranio ha una forma tendente all’ovale. Spuntano le orecchie, pendenti e lunghe fino ad oltrepassare la punta del tartufo ma mantenendo eleganza e compostezza, gli occhi sono sempre tondi e incastonati nel cranio, il loro colore può passare dal nocciola al marrone scuro.

Per quanto riguarda il pelo, corto e denso per resistere alle intemperie, c’è un solo colore ammesso dallo standard ufficiale: il nero carbone, arricchito da marcature focate sopra gli occhi, ai lati del muso e sul petto, agli arti e alle cosce.

Black and Tan Coonhound

Black and Tan Coonhound allevamento

In Italia ad oggi non esistono allevamenti dedicati a questa razza che siano riconosciuti ufficialmente da ENCI, in effetti al di là degli USA, questo Black and Tan Coonhound non è ancora molto diffuso. Dalle sue parti tempo da veniva impiegato nella caccia a cavallo, dopo l’incrocio con il “Virginia Fox Hound” e il “Blood Hound”, si è dedicato al procione diventando il Cane da procione per eccellenza. Il primo Club ufficiale americano è stato fondato nel 1945, appena la razza fu riconosciuta ufficialmente.

Black and Tan Coonhound: foto

Prima di ammirare questo cane almeno in foto, visto che dal vero in Italia è difficile riuscirci, andiamo a conoscere i suoi difetti più ricorrenti. Ad esempio la presenza di speroni o di macchie di bianco sul petto, i piedi piatti, le coste appiattite ma anche un carattere timido o nervoso.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 18 ottobre 2016