Bicigeneratori

Ricordate l’esperimento del criceto che correndo nella ruota azionava una dinamo capace di illuminare una piccola lampadina? Perché non applicare questo principio su larga scala? Non stiamo parlando di un allevamento di criceti ma di bicigeneratori dove il ciclista, pedalando, produce energia elettrica pulita grazie all’energia cinetica fornita con ogni pedalata, proprio come il buon vecchio criceto nella sua ruota!

L’elettricità prodotta dal bicigeneratore può alimentare una vasta gamma di apparecchiature. Alcuni esempi eclatanti sono dati da una grossa lampada gonfiabile dove la luce varia in base alla velocità del ciclista, un albero di Natale o ancora, un concerto dove microfoni, illuminazione e amplificazione sono alimentati da una serie di bicigeneratori come è successo durante la manifestazione WWF dell’Ora della Terra.

In realtà non ci sono limiti alle applicazioni dei bicigeneratori, possono essere collegati al computer per dar vita a un gioco interattivo oppure azionare una macchina per il caffè espresso. Altre applicazioni possono essere elaborate in base a specifiche esigenze. Per usi più raffinati il generatore carica una batteria, che, attraverso un inverter, è in grado di alimentare i comuni apparecchi a 220 volt.

GUARDA LE FOTO DEI BICIGENERATORI

I bicigeneratori sono uno strumento di comunicazione e di animazione, producendo energia pulita diventano testimonial di un concetto che per la maggior parte delle persone è ancora troppo astratto: l’energia. Tutti sanno premere un interruttore per accendere una luce ma pochi riflettono su ciò che si cela dietro quel pulsante.

Pubblicato da Anna De Simone il 28 agosto 2012