Auto elettriche Mercedes: prove su strada

smart elettrica prova su strada

La Mercedes può contare sulla presenza di ben 8 modelli di auto a trazione alternativa: due auto elettriche, e sei vetture ibride.

 IdeeGreen.it ha avuto modo di eseguire test drive di ognuna delle auto elettriche e ibride targate Mercedes, ecco il resoconto con opinioni, prove su strada, consigli e impressioni di guida.

Mercedes elettriche e ibride: opinioni e prove su strada

Le ho provate tutte!
Ho potuto godere a pieno della propulsione elettrica e ibrida Mercedes e posso dirmi molto soddisfatta su tutti i fronti: consumi, prestazioni, comfort di guida, tecnologie di bordo, interfaccia uomo-macchina intuitiva e facile da gestire… insomma, il costruttore tedesco non ti fa mancare nulla e a bordo delle vetture premium mi ha fatto sentire addirittura coccolata!

Con le mie prove su strada ho passato a rassegna l’intera gamma elettrica e ibrida proposta da Mercedes, senza esclusione di colpi: dalla più piccola Smart Electric-Drive alla più lussuosa e performante S 500 Plug-in Hybrid. Tra i due poli opposti ci sono tantissime vie di mezzo, pensate per esigenze specifiche ma tutte con un comun denominatore: efficienza e comodità.

Auto elettriche Mercedes

  • Smart Electric Drive – La prova su strada

Pensata per chi vuole vivere la città senza limiti: accedere alle zone a traffico limitato, parcheggiare in spazi ristretti e transitare a costi ridotti. La Smart elettrica è un’auto accessibile in tutti i sensi, a partire dal prezzo. Chi vuole ulteriormente risparmiare può puntare sull’usato garantito Mercedes (approfondisci su: Smart elettrica usata).

La Smart elettrica sa il fatto suo e fa il suo dovere. La mia prova su strada non ha rilevato alcuna pecca ne’ pregi formidabili: l’acquisto è consigliato per chi guida principalmente in centri urbani e non necessita di spazio a bordo. Si guida bene come la classica Smart ma ha tutti i vantaggi di un’auto elettrica.

Una nota di merito va al sistema di precondizionamento che non ti aspetti di trovare su una vettura entry level. Programmando il precondizionamento è possibile trovare l’abitacolo dell’auto fresco d’estate e caldo d’inverno, niente male no?!

La velocità massima della Smart elettrica ammonta a 125 km/h, l’automobilista potrà contare su un motore magneto-elettrico da 55 kW e una coppia massima di 130 Nm disponibile fin da subito.

Classe B elettrica prova su strada

Salita a bordo mi sono accorta di avere un abitacolo molto generoso e tanti comfort. La Classe B elettrica è in commercio da poco e ha già collezionato molte opinioni positive, a partire dalla mia: si guida bene ed è perfetta per chi cerca un’auto spaziosa e dai bassi consumi.

La guida della Classe B Electric Drive è estremamente rilassante, ho avviato il motore senza neanche accorgermene, zero rumori e zero pensieri: è bastato esercitare un po’ di pressione sull’acceleratore per iniziare la mia prova su strada senza dover badare a null’altro (la trasmissione automatica risponde benissimo).

Anche l’autonomia non desta preoccupazioni: i 230 chilometri sono effettivi. Certo, approfittando dell’accelerazione e viaggiando alla velocità di punta (160 km/h) l’autonomia cala ma la Classe B elettrica non è nata per gli amanti delle velocità estreme, quindi il problema non sussiste… Chi proprio vuole osare e ha alte esigenze può scegliere, in optional, il Range Plus per incrementare ulteriormente l’autonomia.

Risponde bene anche il sistema che consente di programmare la modalità di guida, infatti se partite con la modalità E+ non dovete meravigliarvi se vedete poco brio! Vediamo in dettaglio quali modalità di guida si possono inserire e in cosa consiste il programmatore.

A bordo della Classe B Electric Drive è possibile innescare una “configurazione-motore” ad hoc per l’esigenze del momento, tutto mediante un semplice selettore che consente la scelta tra tre Drive Mode: S, E, E+.

Per i percorsi cittadini è possibile scegliere la modalità E+ (Economy Plus) che limita la potenza a 65 kW o Economy che sfrutta solo 98 kW. In entrambi i casi si può accedere alla potenza massima con il kick-down (schiacciando tutto il piede sull’acceleratore).

La modalità di guida più performante è la (Sport) che rende i 132 kW tutti disponibili. Con i suoi 160 cavalli la Classe B Electric Drive, la Mercedes è riuscita a “normalizzare” il concetto di auto elettrica unendo i vantaggi della trazione a batteria alla praticità tipica di un motore termico, il tutto eliminando le emissioni nocive e gli alti costi di gestione: ti ricordo che la Classe B Electric Drive non richiede il pagamento del bollo per i primi due anni e, sempre grazie al suo motore elettrico, può beneficiare di offerte dedicate che vedono dimezzato il prezzo dell’RC Auto e che la esonerano dal pagamento del parcheggio sulle strisce blu così come disposto in diversi comuni d’Italia.

Come premesso, la Classe B elettrica si guida in modo spensierato, comodo e rilassante. L’esperienza di guida è piacevole per tutti e anche per i passeggeri posteriori non ci sono inconvenienti: l’accessibilità di bordo è buona e dietro si entra facilmente. Sono alta 172 cm e stavo bene anche sulla poltrona posteriore.

La Classe B elettrica dispone, di serie, del sistema di pre-riscaldamento e pre-raffreddamento dell’abitacolo.

Ottima la possibilità di prendere in leasing la vettura con 35 canoni da 290 euro e con un anticipo di 6.400 euro, con questa formula la vettura può essere restituita dopo 3 anni.

Auto ibride Mercedes

Per le prove su strada delle auto che sfoggiano la tecnologia Hybrid, BlueTEC Hybrid e Plug-in Hybrid della Stella ti rimando all’articolo dedicato alle “auto ibride Mercedes. In dettaglio, le proposte ibride Mercedes coinvolgono 6 modelli:

  • C 300 BlueTEC Hybrid
  • C 350 BlueTEC Hybrid
  • S 500 Plug-in Hybrid

Altre auto ibride Mercedes:

  • E 300 BlueTEC Hybrid
  • S 300 BlueTEC Hybrid
  • S 400 Hybrid

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 18 giugno 2015