Bicicletta: il mezzo perfetto per creare

Artista in bicicletta - Giovanni Sironi

La bicicletta, benefici fisici a parte, “è una vera e propria macchina del tempo che si muove ad una velocità perfetta tra passato, presente e futuro”. A dirlo è Roberto Sironi, “Un artista in bicicletta” che racconta : “Io ci scrivo canzoni, creo progetti, filosofeggio, insomma… penso. E’ un mezzo che non passerà mai di moda”.

1) Come e quando è nata l’associazione? Con quale obiettivo?

L’associazione “Un artista in bicicletta – Cultura mobile & Arti sostenibili” è stata creata in collaborazione con la mia compagna, la violinista francese, Elizabeth Boudjema, nel luglio del 2012 da un’idea che avevo nel cassetto da anni: sviluppare e diffondere i miei progetti artistici attraverso nuove forme “socializzanti” dove il pubblico potesse trovare un nuovo “benessere artistico”.

2) Cosa intendete per bici come “mezzo di locomozione culturale ed artistico”?

Sono profondamente convinto che la bicicletta non sia solo un mezzo ecologico e di mobilità sostenibile ma molto di più. Benessere a parte, questo mezzo a propulsione umana è una vera e propria macchina del tempo che si muove ad una velocità perfetta tra passato, presente e futuro. Per questo, quindi, è un mezzo che non passerà mai di moda e con il quale si può diffondere cultura ovunque, senza contare che in bicicletta si possono fare e scoprire tantissime cose. Io ad esempio ci scrivo canzoni, creo progetti, filosofeggio, insomma… penso!



3) Quanti oggi fanno parte dell’associazione?

L’Associazione è giovanissima e quindi per ora non ci poniamo il problema del numero di soci: con il tempo, arriveranno. Per ora cerchiamo soprattutto di collaborare con vari artisti e con addetti ai lavori nel settore dell’ecologia per sviluppare tutti i progetti artistici che stiamo creando e che non riguardano sola la bicicletta ma anche l’acqua, il cibo, la corsa, la moda critica indipendente ed altro ancora.

4) Che tipo di iniziative organizzate? Che tipo di pubblico richiamano?

Stiamo sviluppando spettacoli, mostre di pittura e pièces teatrali il cui tema principale è un nuovo modo di intendere l’Arte. La concezione di performance e lo stesso mestiere dell’artista devono essere rivisti: oggi è l’artista che deve trovare il tempo di occuparsi del mondo e non più il contrario! Il pubblico che ci segue è un pubblico misto, di tutte le età e soprattutto direi un pubblico finalmente attento e pronto a seguire altri stimoli.

5) Dal vostro punto di vista i cittadini negli ultimi anni hanno cambiato atteggiamento nei confronti della bicicletta?

Certamente sì e lo dimostrano i dati e le statistiche. La bicicletta è il futuro e dove c’è futuro c’è attenzione e rispetto. Nuove culture stanno nascendo intorno a questo mezzo incredibilmente perfetto e sempre di più si creeranno le condizioni ideali per finalmente utilizzare la bicicletta come normale mezzo di spostamento. Il mondo delle automobili è destinato a scomparire inesorabilmente: è solo questione di tempo.

6) Cosa manca in città per i ciclisti?

Dire che c’è una forte carenza di piste ciclabili è un’ovvietà. Dire che mancano i parcheggi per le biciclette è una disarmante evidenza. Le strade sono pericolose, la gente è nevrotica, le città devono cambiare e diventare luoghi di condivisione, di partecipazione ed incontro veri, dove gli esseri umani non siano costretti a “convivere” l’uno con l’altro ma a “vivere” in un insieme armonico, come dovrebbe essere naturalmente. La gente che va in bicicletta, per ora, è solo un “movimento”, un’entità a parte ma un’entità forte e compatta e questa compattezza riuscirà pian piano a cambiare le cose.

7) Quali sono i prossimi eventi in programma ?

Per il 2013/2014 abbiamo già in programmazione concerti in Francia dove presenterò il Recital “Tandem concert” accompagnato da Elizabeth Boudjema, e alcune rappresentazioni in Italia della pièce teatrale che ho scritto e diretto intitolata “West bike story” con l’attrice Evelina Primo.

Ci saranno anche varie mie mostre di pittura dedicate all’acqua e al cibo ed una, ”Arte su due ruote”, dedicata all’universo bicicletta. Sarà allestita a Milano in concomitanza con il prossimo Giro d’Italia.

Altri nostri articoli correlati che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 9 ottobre 2013