Aiuole di bulbose, ecco come gestirle

aiuole bulbi bulbose

Aiuole di bulbose: suggerimenti e metodi per gestire bene un’aiuola di bulbi ormai giunti a fine fioritura così da ottenere subito un nuovo ciclo vegetativo con nuovi fiori.

Questa guida su come piantare e gestire le aiuole di bulbose può essere usata per tutti i tipi di bulbi:

  • Bulbi a fioritura primaverile – estiva
  • Bulbi a fioritura autunnale – invernale 

Le bulbose fioritura primaerile come giacinti, narcisi, tulipani…. vanno messe a dimora in autunno, fino a quando non si verificano le prime gelate di fine stagione. Le bulbose a fioritura estiva vanno messe a dimora a partire dal mese di marzo. Le bulbose a fioritura autunnale e invernale vanno messe a dimora da giugno a settembre inoltrato. Le bulbose più popolari sono quelle a fioritura primaverile o estiva (dalie, gladioli, gigli, giacinti, tulipani, narcisi, mentre meno noti sono i bulbi che fioriscono in autunno o le varietà tardive che prosperano anche in inverno. Per le bulbose a fioritura autunnale e invernale vi rimandiamo all’articolo “Bulbi da fiore, in questa pagina ci soffermeremo sulla gestione delle aiuole.

Aiuole di bulbose

Le aiuole di bulbose possono regalare fioriture in diversi periodi dell’anno a patta di curare bene il terreno e il ricambio dei bulbi. Non è consigliato interrare insieme bulbi a fioritura primaverile, estiva, invernale o autunnale e aspettare che madre natura faccia il resto per diversi motivi:

  • I bulbi se interrati durante il riposo vegetativo, potrebbero marcire e non rifiorire alla stagione successiva.
  • I bulbi che non fioriscono nella stagione presente occupano ugualmente suolo e darebbero vita a un’aiuola scarna e dalla scarsa vegetazione.

Per questi motivi è importante rimuovere periodicamente i vecchi bulbi (custodirli) per sostituirli con bulbi adeguati al periodo stagionale. Le aiuole di bulbose possono creare delle macchie colorate dalla notevole bellezza. Dopo la fioritura bisognerà aspettare il completo avvizzimento delle foglie per dare modo ai bulbi di accumulare (proprio attraverso le foglie) le preziose sostanze nutritive che serviranno alla fioritura dell’anno successivo. Se a fine ciclo vegetativo vi viene in mente di eliminare le foglie, sappiate che poi metterete da parte dei bulbi che probabilmente non riusciranno a rifiorire (almeno no nella stagione successiva).

Aiuole di bulbose in piena terra

Quando la fioriera è un vaso, è facile gestire i bulbi. Al contrario, quando l’aiuole di bulbose è in piena terra, recuperare ogni singolo bulbo potrebbe risultare difficile e l’idea di avere fiori per tutto l’anno potrebbe sembrare oltremodo scoraggiante.

Per gestire al meglio le aiuole di bulbose in piena terra potete aiutarvi con una cassetta di plastica da interrare come contenitore per i bulbi. Quando tutti i bulbi saranno completamente avvizziti, vi basterà tirare fuori la cassetta per recuperare i bulbi da conservare e da piantare nell’anno successivo e poi, dove aver rigenerato il terreno con l’aggiunta di terriccio fertile, mettere a dimora i bulbi più adatti alla stagione.

aiuole di bulbose

Se la cassetta in plastica (di quelle che vengono commercializzate con la frutta!) risultasse troppo grande, potete sempre accorciarla eliminando le parti superflue con un paio di forbici da giardino. In questo caso vi raccomandiamo di tagliare la parte centrale e di ricongiungere le due parti laterali con delle fascette.

In base alle dimensioni della cassetta potete mettere a dimora dai 10 ai 16 bulbi. Ponete i bulbi sul fondo della cassetta (a una distanza di circa 10 cm l’uno dall’altro) e copriteli con del terriccio soffice. Infine livellate il terreno in superficie. Se si tratta di bulbose a fioritura primaverile a fine inverno spunteranno le prime foglioline e a primavera regaleranno i fiori.

A fine fioritura, anziché lasciare l’aiuola occupata da bulbose prive di fiori, recidete i fiori ormai appassiti e rimuovete l’intera cassetta contenente terriccio e bulbose con foglie ma prive di fiori. Mettete da parte la cassetta con le bulbose (magari in un angolo defilato del giardino) e attendete che le foglie appassiscano naturalmente, intanto, sostituite la cassetta con fiori annuali come tagete, begonie, agerato, salvia… oppure con bulbose a fioritura autunnale che vanno messe a dimora a partire da giugno.

La Foto
In alto, crochi in fiore, bulbose a fioriture autunnale.
Al centro, errata corrige: perdonate la tripla “s” nella parola “essere”.

L’Autore
Se vi è piaciuto questo articolo sulla gestione delle aiuole di bulbose potete seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 13 ottobre 2015