Zucca Butternut, cos’è e come usarla in cucina

La zucca butternut è una particolare tipologia di zucca, di varietà invernale, diffusa soprattutto in Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti. Questa varietà si è tuttavia diffusa anche in Italia, dove è stata ribattezzata come zucca violina a causa della sua articolare forma, piuttosto allungata, che richiama quella di un violino.

Per quanto concerne le altre principali caratteristiche di questa zucca, annoveriamo altresì la presenza di una buccia piuttosto sottile e il suo ricco contenuto di proprietà salutari, in buona parte condivise con altre tipologie di zucche e, in altre parti, ancora più spiccate.

Cerchiamo di saperne di più!

Quali sono le caratteristiche della zucca butternut

La zucca butternut è conosciuta in tutto il mondo per la sua particolare forma, la buscia liscia e osttile, la polpa compatta e i semi piuttosto piccoli. Il suo peso è di circa 2-3 kg, mentre la dimensione oscilla tra i 20 e i 35 centimetri di lunghezza una volta che è giunta maturazione.

Passando poi al suo gusto, il sapore di questa particolare varietà di zucca è tipicamente dolce, con polpa tenera e retrogusto di nocciola. Caratteristiche che evidentemente rendono questa zucca particolarmente cara a tutte le persone che desiderano utilizzare questo ingrediente per la realizzazione di dolci e confetture, ma anche in abbinamento con piatti salati.

Quali sono le proprietà della zucca butternut

Come abbiamo già anticipato qualche riga fa, come altre varietà di zucca, anche la zucca butternut è un prodotto alimentare particolarmente ricco di sali minerali, vitamie e acqua. In particolare, all’interno della zucca butternut possiamo trovare elevate concentrazioni di vitamina A e di betacarotene, e una buona riserva di vitamina C.

Tra gli altri valori nutrizionali di maggiore rilievo, segnaliamo anche significative dosi di fibre e di sostanze antiossidanti.

Per quanto concerne le calorie, 100 grammi contengono solamente 45 kcal. Ne deriva che questo alimento può essere altresì consumato con serenità da parte di quelle persone che stanno seguendo un regime dietetico ipocalorico.

Quali sono i vantaggi della zucca butternut

I vantaggi della zucca butternut dipendono in buona parte dai valori e dalle caratteristiche nutrizionali che abbiamo scelto di condividere nelle scorse righe.

In particolare, in virtù dell’elevato contenuto di vitamina A e di betacarotene, è ben noto che questa zucca può apportare dei vantaggi alla vista, alla pelle e al sistema immunitario. In generale, questa zucca può aiutare a contrastare l’invecchiamento cellulare grazie alle sue sostanze antiossidanti, mentre l’elevata concentrazione di sali minerali come il potassio, può contribuire a conservare le ossa più forti e più sane.

Inoltre, le fibre in essa contenute, e la buona quantità di acqua che può garantire, permettono a questa zucca di potersi elevare come ottimo contribuente per favorire la funzionalità intestinale, eliminando i fenomeni come la stitichezza.

Come si cucina la zucca butternut

In conclusione di questo approfondimento, cerchiamo di condividere in brevità alcuni spunti su come cucinare la zucca butternut per poter esaltare i suoi sapori e le sue proprietà.

In primo luogo, è bene rammentare che – come abbiamo già avuto modo di accennare brevemente non troppo fa – questa zucca è un ingrediente piuttosto versatile, che può essere utilizzato sai per poter preparare delle pietanze dolci, sia per poter preparare delle pietanze salate. A conferma della versatilità di questo alimento, ricordiamo che la polpa della zucca butternut può anche essere fritta, poiché tende ad assorbire poco olio, conservando così il suo particolare sapore senza creare pregiudizi al proprio organismo.

Come per quanto avviene con le altre varietà della zucca butternut, anche per questo prodotto è possibile consumare i semi, sebbene siano più piccoli delle altre zucche, sia passati alla griglia che al forno.

Insomma, tantissime modalità per poter ottenere il meglio da questo alimento, che siamo certi riuscirai a valorizzare a dovere!

Naturalmente, prima di poter consumare la zucca, tieni conto che dovrai impiegare un po’ di tempo (e di pazienza!) nella sua pulizia.

Nonostante molte persone siano piuttosto scoraggiate dal pulire la zucca butternut, giova sottolineare come in realtà questo processo sia semplice e veloce da realizzare: rispetto ad altre varietà di zucca, infatti, la butternut ha una buccia piuttosto sottile, che può essere eliminata con discreta facilità.

Per poter ottenere i migliori risultati senza troppi sacrifici e dispendi di energia, consigliamo comunque di tagliare prima la zucca in pezzi, e poi scavare la polpa con un coltello o con un cucchiaio. In questo modo sarà ancora più semplice arrivare al risultato desiderato.

In tal proposito, ricordiamo anche che, una volta che la zucca viene privata della buccia, è possibile consumare questo alimento anche crudo, con la polpa che potrà essere condita con dell’olio e con delle spezie, oppure con del formaggio grana.

A questo punto non ci rimane che invitarti a sperimentare le tue ricette più creative a base di zucca butternut. Siamo certi che non mancherai di trarne le dovute soddisfazioni!

Pubblicato da Anna De Simone il 16 Ottobre 2020