Zanzara Tigre, come allontanarla

Ricordate quando le zanzare pungevano solo di notte lasciandoci l’intera giornata libera? Bei tempi quelli, ancora non era arrivata la zanzara Tigre, originaria del Sud Est asiatico.

La zanzara tigre, nome comune dell’Aedes albopictus, è arrivata in Italia a metà degli anni ’90. E’ riuscita ad adattarsi e svilupparsi rapidamente e oggi infesta i nostri giardini durante le ore di giorno, infatti, la zanzara tigre, al contrario della zanzara comune, punge di giorno, dal mattino fino al tramonto e non dopo il crepuscolo come la Culex pipiens (zanzara comune).

Come allontanare la Zanzara tigre dal giardino E
La Zanzara Tigre è una specie particolarmente aggressiva, è attiva in pieno giorno rendendo difficili i nostri pomeriggi in giardno. Per allontanare la Zanzara tigre è importante eliminare i focolai dove le larve si sviluppano, è bene ricorrere a insetticidi solo quando è necessario.

In commercio esistono insetticidi in compresse che agiscono per 3-4 settimane, questi vanni applicati per il controllo delle larve così da eliminare il problema alla radice.

Per allontanare la zanzara tigre è possibile effettuare un lavoro di prevenzione, questo consiste nell’eliminare i focolai dove si sviluppano le larve. Tali focolai, in uno spazio domestico, sono:
-sottovasi
-grondaie, soprattutto se otturate
-contenitori, secchi, diboni e qualsiasi tipo di deposito idrico
-tombini
-caditoie
-bocche di lupo

La zanzara tigre compie il suo sviluppo larvale in piccoli raccolti d’acqua, per questo, se si ha il giardino, è quasi impossibile eliminare i focolai. Con i sistemi di irrigazione a goccia si elimina la necessità dei sottovasi, quindi si potrebbero eliminare i sottovasi impedendo lo sviluppo larvale della zanzara tigre. Si dovrebbero eliminare tutti i depositi d’acqua e fare un lavoro di manutenzione alla grondaia per assicurarsi che sia asciutta.

Alcune società come la divisione Bayer Garden, propongono soluzioni a lunga durata. E’ il caso delle compresse per tombini e sottovasi che durano circa un mese. Per gli adulti, che vivono in ambienti ombreggiati e freschi, il trattamento con insetticidi, quando necessario, dovrebbe essere praticato ogni 10-14 giorni. Ricordiamo che gli insetticidi possono avere ripercussioni sulla salute dell’uomo e dell’ambiente.

Foto di Luciana Bartolini

Pubblicato da Anna De Simone il 1 luglio 2012