Ventilazione Meccanica Controllata

Ventilazione Meccanica Controllata

Ventilazione Meccanica Controllata: come funziona, prezzi, tecnologie disponibili e tipi di impianto. Tutte le informazioni sui sistemi di ventilazione meccanica e il recupero di calore.

La ventilazione meccanica controllata consente di migliorare la qualità dell’aria all’interno di un edificio: assicurano il ricambio d’aria con un risparmio maggiore, in termini di efficienza energetica, di quanto farebbe la classica finestra aperta.

Perché sono importanti i ricambi d’aria

La ventilazione degli ambienti chiusi è un fattore determinante per il comfort domestico. I ricambi d’aria sono necessari per prevenire la formazione di muffe, regolare l’umidità e la condensa, prevenire temperature eccessive… Per non considerare gli impatti sulla salute: grazie ai ricambi d’aria si abbassano i rischi di asma, allergie, cefalee e si migliora la qualità dell’aria anche con l’ausilio di filtri depurativi ad hoc. Quando la ventilazione naturale non basta, è bene sfruttare dei sistemi di ventilazione forzata come gli impianti di VMC (ventilazione meccanica controllata).

La ventilazione meccanica controllata ci aiuta a eliminare gli odori prodotti in cucina e in bagno, i vapori d’acqua di cottura così come i fumi di tabacco e gli inquinanti invisibili come il radon (un gas radiattivo), il monossido di carbonio, formaldeide e altri composti VOC (composti organici non volatili) che sono comunemente presenti in ambiente domestico.

Ventilazione meccanica controllata

Per garantire i ricambi d’aria si sfruttano le normali aperture dell’involucro edilizio: porte e finestre. Con porte e finestre, però, si va a vanificare il lavoro svolto dai sistemi di riscaldamento o raffreddamento, ecco perché spesso sarebbe opportuno affidarsi ai sistemi di ventilazione meccanica controllata; si tratta di sistemi integrati di ventilazione che consentono all’aria di entrare nell’abitazione mediante dei dispositivi che vengono collocati in determinati spazi della casa.

Questi dispositivi agiscono in maniera del tutto autonomo, senza dover impartire alcun comando.

Ventilazione meccanica controllata, a cosa serve?
Tale sistema produce un rinnovo costante e controllato dell’aria in tutti i locali. All’occorrenza l’aria in ingresso dall’esterno può essere filtrata e, sempre all’occorrenza, è possibile recuperare l’energia termica (calore o freschezza) dall’aria in uscita dall’ambiente domestico.

I sistemi di ventilazione meccanica controllata immettono dosi cablate di aria così da garantire un risparmio in termini energetici.

Il giusto dimensionamento
Proprio come accade per l’impianto di riscaldamento o condizionamento, è necessario calcolare il fabbisogno di ventilazione. Per avere un’efficienza al 100%, il dimensionamento deve calcolare diversi fattori: dallo stile di vita degli abitanti alla presenza di spifferi. Gli spifferi, infatti, rappresentano un sistema di ventilazione naturale involontario, dettato dalle infiltrazioni. E’ importante calcolare la portata di ventilazione al fine di ottenere la quantità di ricambi d’aria ideale. 

Ventilazione meccanica controllata, come funziona

I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC), possono essere di diverse tipologie. Un’attenta spiegazione è contenuta nell’articolo dedicato ai sistemi di ventilazione forzatain questo paragrafo vedremo i due principali tipi di VMC.

  • – VMC autoregolabile
    Questo sistema è a portata costante e funziona in modo continuo. Consente di controllare costantemente i volumi d’aria e rinnovarla indipendentemente dalle condizioni atmosferiche esterne.
  • – VMC igroregolabile 
    Tale sistema adotta delle prese d’aria e delle bocchette d’estrazione caratterizzate da sensori meccanici per l’umidità. Grazie ai sensori, la portata d’aria è adattata all’ambiente in cui la bocchette d’estrazione e la presa d’aria operano. Va a regolare automaticamente la portata d’aria in entrata e in uscita in relazione al tasso di umidità rilevato dal sensore.

I sistemi VMC igroregolabile evitano di attivare la ventilazione forzata quando non occorre, tagliando sprechi energetici legati all’impiego dello stesso apparecchio e al sovraccarico dell’impianto di riscaldamento o raffrescamento. L’ideale sarebbe associare il sistema igroregolabile alla ventilazione meccanica controllata con recupero di calore.

Già da diversi anni, i sistemi VMC con recupero di calore riescono a garantire un’efficienza molto elevata con un recupero dell’energia termica che si spinge oltre il 90%. Inoltre, gli ultimi modelli presenti sul mercato non necessitano di scarichi per la condensa così da rendere più facile l’installazione e la messa in funzione del dispositivo.

Ventilazione meccanica controllata, prezzi

I prezzi di un sistema VMC possono variare molto. Chi intende installare un sistema VMC in una singola stanza non dovrà affrontare un costo elevato, in questo contesto i prezzi sono contenuti: basterebbero circa 800 euro per acquistare un impianto di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore e con flusso d’aria reversibile. Una casa di 100 mq per ottenere un sistema VMC semplice con ricambio d’aria e recupero di calore dovrà mettere in conto una spesa di circa 7.000 euro, i prezzi salgono ulteriormente se si aggiungono funzioni come il controllo dell’umidità (deumidificazione e mantenimento ottimale dell’umidità negli ambienti), sonde di temperature e umidità, filtri per purificare l’aria in ingresso.

Pubblicato da Anna De Simone il 12 marzo 2016