Vega test: cos’è e a cosa dovrebbe servire

Vega test

Il Vega test è un “test” messo a punto da Reinhold Voll nel 1958 che, secondo i suoi sostenitori, permetterebbe di rilevare le intolleranze alimentari a oltre 3.000 allergeni in soli tre minuti!

Il Vega Test, oggi noto anche come Test elettrodermico, era chiamato da Voll “Elettro Agopuntura “. Il suo nome attuale è stato invece introdotto da un allievo di Voll, Helmut Schimmel, nel 1976.

Il Vega Test si basa sull’utilizzo un galvanometro che misura la differenza di potenziale tramite due elettrodi: uno (negativo), con un puntale in argento, tenuto in mano dal paziente e l’altro (positivo) applicato su un punto della mano o del piede del paziente.



Dopo la calibratura del galvanometro, le fiale contenenti gli estratti dei vari cibi vengono messe in serie con il circuito elettrico e il “terapista” misura le differenze di potenziale elettrico con un apposito macchinario (tra i più diffusi, Dermatron, BEST, Quantum, LISTEN, Accupath 1000, Biotron, OmegaVision, Orion System). L’esito del test è considerato positivo a seguito di una diminuzione di potenziale di almeno 15 unità.

E’ bene chiarire subito che la medicina ufficiale NON riconosce alcuna validità scientifica di questo test e che alcune associazioni mediche come l’American Academy of Allergy, Asthma and Immunology e il National Institute for Health and Clinical Excellence (UK) si siano espresse contro il suo utilizzo per verificare eventuali intolleranze alimentari.

In ogni caso quello che la macchina non potrebbe mai fare, anche ipotizzando la validità delle teorie di Voll e Schimmel, è fornire informazioni sulle cause di una particolare intolleranza, elemento essenziale per predisporre un piano di cura.

Se avete trovato utile questo articolo potete seguirmi anche sulle mie pagine Twitter e Google Plus.

Pubblicato da Matteo Di Felice il 26 giugno 2014