Vacanze di lusso sull’Isola da 6 milioni di dollari

Preferireste fare una vacanza in una piccola isola privata o in un hotel di lusso? Oppure magari su un panfilo ampio e spazioso che vi faccia volare sulle onde? E se ci fosse un’isola galleggiante che comprende tutte queste cose? C’è e si chiama Orsos Island.

Gabor Orsos è un ex proprietario alberghiero. La sua professione lo ha portato a progettare una struttura che congiunga la flessibilità un pafilo ultra moderno al confort offerto dagli hotel di lusso. E’ così che è nata “Orsos Island“, la piccolissima isola galleggiante da sei milioni di dollari. Gabor Orsos ha militato per molti anni nel settore alberghiero, della ristorazione ma anche nel settore immobiliare e del turismo. Sa bene cosa è il lusso e sa altrettanto bene quali sono i confort ai quali alcuni turisti non possono rinunciare.

GUARDA LE FOTO DELLA ORSOS ISLAND

All’inizio, lo scopo di Orsos era quello di creare una sorta di catena alberghiera galleggiante, esclusiva e innovativa; andando avanti con il progetto, Orsos si è reso conto che un posto così non dovrebbe essere limitato a solo un selezionato gruppo di persone: la prima Orsos Island può ospitare 12 persone in sei camere doppie insieme a quattro membri dello staff, ma pensa se ci fosse un intero arcipelago costituito da questi lussuosissimi hotel galleggianti?

L’isola galleggiante di Orsos è una piattaforma che misura 37 metri per 20 m, si sviluppa su più livelli e accumula un totale di mille metri quadrati di superficie calpestabile. Orsos Island non può essere considerata un hotel perché è sospesa in acqua ma non può essere considerata neanche un panfilo perché è priva di motore.

GUARDA LE FOTO DELLA ORSOS ISLAND

L’Orsos Island è innovativa anche nelle tecnologie, si alimenta con i pannelli solari e le turbine eoliche anzi, l’energia prodotta in eccesso sarà sfruttata per caricare delle batterie capaci di azionare un macchinario che filtrando l’acqua del mare la rende potabile, nel pieno rispetto del risparmio idrico ed energetico.

Pubblicato da Anna De Simone il 17 luglio 2012