Tribolo, pianta e proprietà

Tribolo pianta

Tribolo, pianta e proprietà: informazioni sulla pianta e sui rimedi naturali a base di tribolo. Consigli e benefici dell’uso dell’integratore di tribolo.


Tribolo, pianta e caratteristiche

Il suo nome botanico è tribulus terrestris ed è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Zygofillacee. E’ originaria dell’India e dell’Africa ma si è diffusa anche nelle zone più calde de’Europa, Italia compresa. Cresce spontaneamente nei terreni sassosi delle nostre coste.

La pianta tribolo presenta steli ramificati che possono raggiungere la lunghezza di un metro. Dagli steli si sviluppano piccole foglie e fiori gialli. Gli steli ramificati sono striscianti, cioè si sviluppano sul terreno.

La pianta, nelle zone costiere, è popolare per le sue spine che si conficcano sotto i piedi di animali e di chi decide di camminare a piede nudo. La spina ha la forma di un tetraedo che ricorda il tribolo usato dagli antichi romani per arrestare e controllare i cavalli.

tribolo è usato dalla medicina ayurveda per proteggere il fegato e il tratto urinario anche se la sua popolarità è legata ai benefici che riuscirebbe ad apportare alla fertilità maschile e femminile.

Tribolo, proprietà

Il tribolo riuscirebbe a stimolare la sessualità in caso di calo della libido, migliorerebbe la fertilità maschile e femminile e riuscirebbe a proteggere contrastare affezioni a carico epatico e urinario.

In particolare, il tribulus terrestris sembra avere proprietà ormoni-stimolanti: riuscirebbe a innalzare il tasso di LH nell’uomo (e quindi il testosterone) e l’FSH nella donna con un incremento degli ormoni femminili. L’estratto secco del tribolo riuscirebbe a causare un picco di testosterone che si esaurisce, però, nel giro di qualche ora. Nonostante il breve effetto, gli estratti di tribolo sono utilizzati come rimedio naturale per contrastare i principali disturbi sessuali maschili come impotenza e infertilità.

Per questa sua proprietà, sono molto diffusi integratori a base di tribolo, gli stessi integratori sono utilizzati anche per l’azione tonica e ricostituente: i principi attivi contenuti nella pianta riuscirebbero a liberare nuove energie.

Tribolo, integratore

Per beneficiare delle proprietà del tribulus terrestris, si può assumere l’estratto secco in forma di integratore. In genere, gli erboristi e i produttori, consigliano una dose dagli 85 ai 250 mg, per due volte al giorno, oppure capsule da assumere una volta al giorno in caso di prodotti altamente concentrati; l’assunzione va associate ai pasti. Prima di assumere l’integratore a base di tribolo leggete e attenetevi alle informazioni riportate sulla confezione. L’assunzione del tribolo come integratore è adatta per:

  • Contrastare calo della libido e astenia sessuale.
  • Proteggere il fegato (è un buon tonico epatico).
  • Contrastare le infiammazioni del tratto urinario.
  • Nelle persone anziane, può essere un buon ricostituente.
  • Per stimolare la diuresi e proteggere i reni (l’estratto secco contenuto negli integratori è ricco di potassio).
  • Per supportare gli sportivi nell’attività fisica.

Dove comprare un integratore a base di tribulus terrestris? Nelle erboristerie più fornite oppure sfruttando la compravendita online. Su Amazon, una confezione da 120 capsule è proposta al prezzo di 16,90 euro con spese di spedizione gratuita. Si tratta di caps altamente concentrate, da assumere una volta al giorno.

Link Utili da Amazon: Integratore naturale  Tribulus terrestris
Solo estratti 100% naturali della pianta Tribulus terrestris.

Integratore a base di Tribolo, controindicazioni

Evitate l’uso di tribulus terrestris in caso di gravidanza o allattamento. Questo integratore non è adatto ai bambini. Altre controindicazioni: non assumete estratti di tribolo in casa di patologie che deprimono il sistema immunitario o in caso di tumori. Prima dell’uso è sempre opportuno consultare il proprio medico di fiducia.

Se siete alla ricerca di rimedi naturali contro il calo della libido potrebbe interessarvi l’uso dell’olio essenziale di pino.

Pubblicato da Anna De Simone il 6 dicembre 2016