The Carbon Price Communique: anche Ricoh dice sì

 CO2

Esiste al mondo un network di aziende impegnate a sottolineare l’importanza del prezzo del carbonio nella prevenzione delle pericolose interferenze antropogeniche sul clima. Il suo nome è Corporate Leaders Network (CLN) e al suo interno ospita i gruppi sorti a livello di ogni singolo paese, i Corporate Leaders Group (CLG). Prima il CLG del Regno Unito, e poi il network mondiale, hanno scritto una dichiarazione comune rivolta ai leader dei Governi a cui è stato dato il nome The Carbon Price Communique.

The Carbon Price Communique è importante perché fissa, nero su bianco, alcuni punti. Il più significativo è che serve un quadro politico chiaro, duraturo, ambizioso ed efficace per sostenere gli investimenti necessari a ridurre in maniera sostanziale le emissioni di gas serra entro la metà del secolo. È certamente buona cosa che dei business leader siamo convinti che la stabilità resa possibile da questo quadro politico, e il potenziale che ne deriverà, offriranno prospettive di successo per le aziende e favoriranno la creazione di posti di lavoro.

Il prezzo del carbonio è fondamentale per prevenire le pericolose interferenze antropogeniche sul clima. Adottando il giusto approccio, il prezzo del carbonio aiuta anche a coinvolgere i consumatori e a incentivare il cambiamento di comportamenti., ha affermato Shiro Kondo, Presid“Esortiamo quindi i policy-maker a focalizzarsi sull’introduzione di un chiaro quadro del prezzo del carbonio in modo stabile e tempestivo”ente e CEO di Ricoh Company, tra le aziende che hanno sottoscritto la dichiarazione.

Ciò, tradotto in pratica, significa: rendere il prezzo del carbonio una parte importante delle risposte politiche nazionali; lavorare per raggiungere l’obiettivo a lungo termine di un prezzo del carbonio per tutta l’economia mondiale; impostare un programma ambizioso, attraverso obiettivi concordati a livello internazionale. Questo approccio al prezzo del carbonio può portare a una significativa riduzione delle emissioni a costi più bassi di quanto ci si aspettasse. Ciò consente di stabilire obiettivi ambiziosi.

Le motivazioni che hanno spinto Ricoh a sottoscrivere la dichiarazione sono condivise da sempre più aziende nel mondo. “Ricoh crede sia importante realizzare una società sostenibile in cui l’impatto ambientale sia ridotto al minimo, anche per salvaguardare la Terra per le generazioni future. Per raggiungere questo obiettivo ogni Paese deve mettere in atto iniziative proattive volte a prevenire i cambiamenti climatici. Abbiamo sottoscritto la dichiarazione congiunta perché crediamo nella sua validità essendo realizzata dai CEO e indirizzata ai leader dei Governi”, ha aggiunto Shiro Kondo.

Pubblicato da Michele Ciceri il 21 novembre 2012