Camino Solare, ecco come funziona

camino solare

Si chiama camino solare ed è un sistema che provvede a migliorare la ventilazione di un fabbricato sfruttando il principio naturale di risalita dell’aria calda. Se nell’edilizia moderna un camino solare può sembrare una novità, non lo è affatto se sfogliamo i libri di storia: già le strutture costruite dagli antichi romani sfruttavano il medesimo principio.

Un camino solare è costituito da tre parti fondamentali che riescono a garantire la raccolta del calore e un flusso d’aria per il ricambio. Abbiamo così uno spazio per la raccolta della luce solare e dell’aria calda (proprio come si vede nelle canne fumarie), è presente un pozzo di ventilazione e un condotto che garantisce il passaggio dell’aria.

Come funziona un Camino Solare?
I raggi solari che “picchiano” slla casa durante il giorno, si accumulano nello spazio di raccolta così da creare un moto di corrente ascensionale: l’aria calda sale verso l’alto contribuendo a raffreddare gli ambienti domestici e a migliorare la circolazione dell’aria.Per le sue esigenze, un camino solare deve essere realizzato nella parte più illuminata dell’abitazione. Nella realizzazione di un camino solare, maggiore attenzione dovrà essere prestata alla superficie di raccolta: più ampia sarà la superficie di assorbimento dei raggi solari più intenso sarà il flusso di risalita dell’aria.

Il camino solare ideale dovrà essere posto con la superficie di raccolta alla massima esposizione solare e i materiali di fabbricazione dovranno essere degli ottimi complici: le pareti di vetro sono ottime per filtrare la luce così come la vernice nera riesce ad assorbire il calore senza poi ridletterlo.

Grazie al camino solare si potranno rinfrescare gli ambienti domestici in modo naturale e, per minimizzare l’impiego dei condizionatori, si possono costruire dei condotti sotterranei mediante i quali passerà l’aria prima di entrare nell’edificio.

Il camino solare, proprio come i sistemi di solar cooling, possono essere sfruttati a doppio senso. Se da un lato il camino solare può rinfrescare casa, dall’altro è capace anche di riscaldarla passivamente. Invertendo il funzionamento del camino solare si può trasformare in un sistema passivo di accumulo di calore; ciò è reso possibile dal cosiddetto “muro di Trombe”, una parete realizzata in pietra o calcestruzzo grazie alla quale l’ambiente verrà riscaldato attravero le radiazioni solari raccolte durante le ore di picco della giornata.

Il muro di Trombe presenta sull’esterno una lastra di vetro in grado di raccogliere le radiazioni solari sfruttando l’effetto serra creato dallo stesso vetro. Con la sua funzione “bi-direzionale”, un camino solare potrebbe alleggerire la spesa energetica legata ai sistemi HVAC.

Pubblicato da Anna De Simone il 19 gennaio 2014