Suzuki Vitara, la nostra prova su strada

suzuki vitara

Asfalto, neve, fango o terra, per lei non c’è differenza, macina chilometri ovunque, anche nelle condizioni stradali più impervie. E’ la nuova Suzuki Vitara e noi di IdeeGreen.it siamo stati tra i pochi privilegiati a testarla nel circuito di Guida Sicura di Motoroasi e nel percorso offroad nella località montana Sauze d’Oulx.

Ho testato la nuova Suzuki Vitara in prima persona.
Di solito non accetto inviti per prove su strada di auto con solo motore termico, la mobilità sostenibile ha bisogno di propulsori ibridi o puri elettrici… Eppure quel dato sulle emissioni nocive mi ha fatto incuriosire: 111 grammi di CO2 emessi per ogni km percorso… Insomma, l’efficienza del motore termico fa di Vitara un’auto 4×4 davvero risparmiosa, tanto da consumare anche meno di una Panda cross!

Suzuki Vitara, emissioni nocive e consumi

  • Vi sorprenderebbe sapere che inquinate di più usando la posta elettronica piuttosto che uscendo a fare la spesa con Suzuki Vitara?

Secondo l’Agenzia francese per l’Ambiente e la gestione dell’Energia bastano 8 email da 1 megabyte per produrre 152 grammi di CO2. La Suzuki Vitara emette solo 111 grammi di CO2 per percorrere un chilometro, meno di una Panda Cross con motore 0.8 Twin Air che ne produce 114 g/km e ancora meno di un suv di pari categoria che arriva a produrre più di 196 grammi di emissioni nocive per chilometro.

GUARDA LE FOTO DELLA NUOVA SUZUKI VITARA 2015

  • Perché le emissioni nocive di un veicolo dovrebbero interessarvi? 

In primis per la salute dell’ambiente e in secondo luogo perché le emissioni nocive sono strettamente correlate ai consumi. Le emissioni nocive prodotte da un motore sono direttamente proporzionali ai consumi, più basse saranno le emissioni di CO2, minori saranno i consumi.

Certo, 111 g/km è ancora tanto se si considerata che un suv ad alimentazione alternativa come il Mitsubishi Outlander 2.0 MIVEC PHEV emette solo 44 g/km ma mentre aspettiamo che i costruttori riescano a proporre SUV ibridi/elettrici a prezzi più accessibili, è meglio puntare su veicoli dall’efficienza comprovata come la nuova Suzuki Vitara.

Entrando nello specifico della questione consumi, la Suzuki Vitara arriva a percorrere 100 km con soli 4,2 litri di carburante senza rinunciare alla potenza, il propulsore in questione riesce a erogare la potenza di 120 cavalli… se vi sembra poco, aspettate di leggere a quanto ammonta la coppia massima: ben 320 Nm! Con questi dati, Suzuki Vitara è sulla carta (e anche su strada considerando l’andamento del nostro test drive) un suv in grado di regalare esperienze di guida emozionanti.

suzuki vitara 2015

Suzuki Vitara, la nostra prova su strada

Grazie all’evento VivaVitaraDay, ho avuto modo di testare la nuova Suzuki Vitara nelle condizioni stradali più sfavorevoli, dove è necessario tirare fuori un carattere tosto e fuoristradistico. Ho così messo alla prova Suzuki Vitara sul classico asfalto bagnato, in una vasca d’acqua con l’aquaplaning, in curve difficili e lungo un percorso offroad dove enormi buche, terreno scosceso e salite ripide erano una costante. Per fortuna ho avuto modo di continuare il test drive anche in autostrada, li dove la gran parte di automobilisti sono abituati a macinare km.

Salita a bordo, il primo impatto è ottimo: consolle essenziale, forse un po’ troppo “alla tedesca” ma funzionale e facile da gestire, il display touchscreen si governa subito, è intuitivo! Così come il quadro strumenti e la manopola “Drive Mode Select” che spicca sul tunnel centrale.

GUARDA LE FOTO DELLA NUOVA SUZUKI VITARA 2015

L’accessibilità a bordo è buona, si sale rapidamente sia sulle poltrone anteriori che su quelle posteriori. L’abitacolo è spazioso e guardandomi intorno ho trovato diversi vani porta oggetti, utilissimi soprattutto per avere sempre smartphone, macchina fotografica e altri dispositivi subito a portata di mano.

Passando alla parte meccanica, in tutte le prove effettuate, la Suzuki Vitara ha dimostrato un’elevata tenuta di strada e massima stabilità, anche in quelle discese e salite che sembravano impossibili da affrontare. Con le discese scoscese mi sono lasciata aiutare dal sistema fuoristrada Hill Descent Control grazie al quale la  vettura ha limitato automaticamente la velocità a 10 km/h, sembrano pochi ma in una discesa ripida e fangosa vi sembrerà addirittura eccessiva! ;) Per usare questo sistema mi è bastato inserire la prima e schiacciare un pulsante così da scongiurare ogni pericolo.

Altra tecnologia di bordo sfruttata durante il percorso offroad è stato il sistema AllGrip che mi ha consentito di scegliere la modalità di guida più adatta alle circostanze. Vediamo come funziona la tecnologia AllGrip che a bordo si traduce con l’impiego di una semplice manopola.

drive mode select

Sul tunnel centrale spicca il selettore per impostare il “Drive Mode” (modalità di guida) più adatto al fondo stradale. In particolare, il pilota potrà scegliere tra quattro modalità di guida:

  • Snow 

E’ la modalità di guida usata in off road o sulle strade innevate. Questa modalità ottimizza la trazione delle ruote in base agli input dello sterzo e dell’acceleratore, adeguando sempre la tenuta di strada del veicolo. Ho sfruttato questa modalità di guida nei chilometri offroad percorsi nella località montana di Sauze d’Oulx.

  • Auto 

La trazione 4×4 è indispensabile in montagna ma quando si guida in città bisogna fare attenzione ai consumi e… diciamocelo, sarebbe uno spreco sfruttare la trazione 4×4 per fare la spesa! Con la modalità Auto, il veicolo passa alla trazione anteriore e dà priorità al risparmio di carburante. E’ coniugando questo Drive Mode a uno stile di guida più consapevole che si raggiunge il massimo risparmio di carburante. Questa modalità è perfetta nei centri urbani e coniugata al sistema Start&Stop di serie è una vera manna dal cielo per le tasche e per l’ambiente.

GUARDA LE FOTO DELLA NUOVA SUZUKI VITARA 2015

  • Lock 

La modalità di guida perfetta per districarsi in una zona paludosa! Se l’auto è bloccata tra la neve o nel fango, il Drive Mode Lock prevede uno slittamento limitato dei differenziali e riesce a districare l’auto trasferendo la coppia motrice ai soli pneumatici in presa. A questo Sistema si aggiunge la tecnologia RBS (Radar Brake System), che attiva la frenata nel caso di rischio collisione, il controllo della stabilità elettronico ESP e molto altri dispositivi di sicurezza.

  • Sport 

La mia modalità di guida preferita, anche se si tratta di quella meno ecologica: il Drive Mode Sport sfrutta al massimo i 320 Nm di coppia motrice e regala esperienze di guida entusiasmanti. Ho usato questa modalità di guida in autostrada dove è stato davvero facile raggiungere i 150 km/h; purtroppo non ho potuto osare oltre dato che già stavo infrangendo il limite di 130 km/h imposto dal codice della strada. Il costruttore nipponico riferisce una velocità massima della Vitara pari a 180 km/h.

Suzuki Vitara, prezzo

Il prezzo della Suzuki Vitara parte da 19.900 euro. Non fatevi ingannare da quel “parte da…” per fortuna anche con il prezzo d’ingresso è possibile accedere a una vettura dalle dotazioni piuttosto complete. Per la trazione integrale i prezzi partono rispettivamente da 22.600 euro per il benzina e 25.100 euro per il diesel.

Se vi è piaciuto questo articolo potete seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 14 aprile 2015