Stampa ecosostenibile: lo standard ISO 16759

printing-ecosostenibile

Il settore della stampa su carta è tra i più coinvolti nei temi della sostenibilità ambientale, vuoi per il consumo della stessa risorsa carta vuoi per i materiali e i processi coinvolti nel ciclo produttivo del printing. Anche per questo motivo assumono particolare importanza le certificazioni come lo standard globale ISO 16759 riguardante la ‘Quantificazione e comunicazione del calcolo delle emissioni dei prodotti stampati’: un vero e proprio attestato di stampa ecosostenibile.

Lo standard globale ISO 16759 è stato publbicato a luglio 2013 e la prima organizzazione del settore a ricevere il relativo certificato di conformità è stata Ricoh Europe a inizio settembre. Il certificato è stato rilasciato da Print and Media Certification Ltd (PMC), l’unico ente certificatore del Regno Unito specializzato nell’industria della carta, della stampa e del publishing.

Print and Media Certification si avvale di specialisti e di auditor con esperienza nel settore che effettuano verifiche per migliorare i processi di stampa e aggiungere valore. La certificazione ISO 16759 attesta l’impegno verso la sostenibilità ambientale nel printing. Nel caso di Ricoh Europe, attesta anche l’accuratezza dell’innovativo Carbon Calculator dell’azienda giapponese per l’analisi dell’impatto ambientale delle stampe nell’ambito del Carbon Balanced Printing Programme.

Il Carbon Calculator di Ricoh è un sistema finalizzato alla stampa ecosostenibile che calcola le emissioni considerando i consumi energetici, il toner e i supporti utilizzati durante il processo produttivo di un particolare lavoro. Il calcolo include le emissioni connesse alla fornitura di parti di ricambio e consumabili e all’erogazione dei servizi da parte del fornitore.

Servendosi del Carbon Calculator, i print service provider di Ricoh riescono a ridurre l’impatto ambientale dei processi di stampa e a fornire servizi a emissioni zero. La certificazione ISO 16759 attesta di fatto la validità di questo ‘calcolatore’ e con essa dell’intero Carbon Balanced Printing Programme. I partner Ricoh e i loro clienti sanno insomma che la metodologia utilizzata per calcolare le emissioni è conforme a uno standard internazionale e certificata da una terza parte specializzata.

Pubblicato da Michele Ciceri il 10 settembre 2013