Solarskilift, sciare ecosostenibile

A Tenna, piccola località sciistica sulle Alpi svizzere, è stato installato il primo impianto di risalita al mondo alimentato da energia solare. Se ancora avete dubbi su dove passare la settimana bianca, sappiate che il Solarskilift ha una capacità di 800 sciatori all’ora ed è capace di produrre 90 mila chilowattora di energia pulita pronti per essere immessi nella rete elettrica pubblica.

Il Solarskilift è lungo 450 metri e ha 82 pannelli solari auto direzionanti collegati direttamente sui cavi della struttura.  Sono orientabili  automaticamente al sole per raccogliere durante il giorno quanta più luce possibile  e sono stati progettati in modo da acquisire una posizione verticale in caso di forti nevicate. In questo modo si eviteranno accumuli di neve che potrebbero danneggiarli.  L’impianto è stato inaugurato l’inverno scorso dopo due anni di intenso lavoro ed è costato 1,35 milioni di franchi svizzeri, circa 1 milione di euro.

GUARDA LE FOTO DEL SOLARSKILIFT

In una giornata di sole splendente, lo skilift già produce il doppio dell’energia che consuma durante il periodo di alta stagione. Il  Solarskilift, che consente la risalita a 800 sciatori l’ora, è in grado di produrre in un anno 90.000 chilowattora di energia di cui 25 mila saranno impiegati  per azionare l’impianto di risalita, mentre l’energia in eccesso verrà confluita nella rete pubblica. L’estate sarà il maggior periodo di produttività dell’impianto.

Un progetto ecosostenibile fortemente voluto  dall’amministrazione locale per rivalorizzare l’area interessata e per rendere l’impianto sciistico la prima struttura al mondo a impatto zero sull’ambiente. Tuttavia qualcuno sostiene che i pannelli solari abbiano rovinato la vista sulle splendide montagne di cui è circondata. Il sole è una fonte inesauribile che merita di essere sfruttata, ovviamente senza deturpare il paesaggio naturale. Difficile capire da che parte stare, sicuramente si respirerà meno CO2 da quelle parti.

GUARDA LE FOTO DEL SOLARSKILIFT

Pubblicato da Anna De Simone il 18 ottobre 2012