Sexy Green Lingerie

Lingerie sexy? Perché scegliere i soliti materiali che oltre a inquinare irritano anche la pelle? Ci sono numerose linee di biancheria intima 100% organic. Cotone e altri materiali biologici non sono fatti solo per la noiosa biancheria della nonna, posso dare molto e a dimostrarlo sono le sfilate di sexy lingerie sostenibile

Tra i marchi più comodi troviamo Bazsarózsa, specializzata in cotone biologico offre biancheria intima direttamente da New York, è qui che Bazsarózsa disegna e produce biancheria e costumi da bagno da poter sfoggiare questa estate al mare.

GUARDA LE FOTO DELLA LINGERIE ECOFRIENDLY

Mutandine, perizoma ma anche corpetti e reggisenti dal design impeccabile. Le linee proposte da Bazsarózsa sono molto sobrie ma nel panorama della lingerie ecosostenibile c’è anche chi vuole osare. E’ il caso di Urban Fox, direttamente da St. Louis e Chicago. Lizzie Cook e Megan Fox giocano con cotone organico, fibre di bambù e manodopera, dato che questa linea di lingerie è stata realizzata a mano.

Non mancano boxer e slip da uomo con “OGM Free Underwear”, certo potrebbe esserci un pizzico di malizia nell’indossare un boxer attillato che recita “OGM Free”. Un cotone biologico grezzo realizzato per ottenere un effetto “morbido” sulla pelle. In questo caso parliamo della collezione “Altriluoghi organicotton“. Molta malizia c’è anche sugli slip da donna dell’American Apparel che in primo piano mostrano una sigla che recita “Eat Organic”, “Mangia Biologico”.

GUARDA LE FOTO DELLA LINGERIE ECOFRIENDLY

Altre linee sostenibili sono realizzate con materiali come la canapa e derivati della soia. La collezione Jezebelle ha proposto un’evergreen (mai il termie ever-green è stato utilizzato con più appropriatezza!!) in bianco e nero ma è da segnalare anche Enamore e la bellissima collezione proposta da MYA RECYCLED PINE UNDERTHINGS con i suoi indumenti intimi realizzati con materiali riciclato. Che tipo di materiale? Scarti della potatura di alberi, con precisione, pino. Il risultato è una linea morbida come la seta, conferisce una sensazione di cashmere. Tutto è stato realizzato in un piccolo villaggio in Francia.

Photo Credit | Jezebelle

Pubblicato da Anna De Simone il 11 giugno 2012