Segugio dei Balcani: allevamenti

Segugio dei Balcani

Segugio dei Balcani, detto anche Segugio Serbo, ha ben chiaro il suo paese di origine e, non essendo molto noto in Europa e nel resto del mondo, gli tocca precisare spesso la propria razza. Pur chiamandosi “serbo” ha un po’ di sangue anche montenegrino e il suo nome originale è”Serbski gonic”, appartiene al gruppo ovviamente dei segugi e dei cani per pista di sangue. Considerato come cane di taglia media, questo Segugio dei Balcani non è né longilineo né tozzo, e sa il fatto suo.



Segugio dei Balcani: aspetto

Quando parliamo di un segugio di medie dimensioni significa in questo specifico caso che i maschi della razza possono avere una altezza al garrese dai 46 cm ai 54, le femmine un paio in meno: non c’è dismorfismo sessuale nel Segugio dei Balcani.

Robusto senza essere massiccio, il tronco di questo cane da un senso di stabilità agile, coerentemente con gli arti che mostrano una ossatura ben sviluppata, tornita di muscoli tonici. L’andatura del segugio serbo è disinvolta e piuttosto rapida senza apparire nevrotica, la coda ne accentua l’agilità, forte alla base e sempre più fine verso la punta, spesso portata bassa e leggermente a sciabola.

Passando al muso di questo cane, è quello classico da segugio, con un muso allungato e un cranio largo, il tartufo nero con narici “ricettive”. Lo sguardo è docile e intelligente, si capisce subito che questo segugio sa il fatto suo, gli occhi sono di forma ovale, marroni, con palpebre nere, le orecchie appaiono arrotondate sulla punta e poco carnose, mediamente lunghe e sempre aderenti alle guance.

Segugio dei Balcani

Segugio dei Balcani: carattere

Il Segugio dei Balcani è nato e cresciuto per fare il cane da caccia, ma non solo, ha anche i suoi settori: è specializzato nel perseguitare la lepre, il cinghiale e il capriolo. Abituato a vivere alla buona, all’aria aperta e non in vellutati salotti, questo animale non ha problemi di adattamento su ogni tipo di terreno e clima.

Sul lavoro è un vero stakanovista, grintoso e volonteroso, ma soprattutto pieno di talento e di abilità, quasi instancabile e quindi molto ben accolto dai cacciatori della sua terra. Con i bambini, si sa comportare, ma non è adatto alla vita in città e/o al chiuso, necessita di molto esercizio fisico e di aria pura da respirare.

Per far felice un Segugio dei Balcani, dobbiamo farlo correre e fare con lui lunghissime passeggiate, meglio se alla scoperta di nuovi angoli in cui può fare il segugio nel vero senso della parola e annusare nuove “puzze” e prede. Così tiene anche allenato il suo già ottimo fiuto. 

Segugio dei Balcani

Segugio dei Balcani su cinghiale

Come ho accennato raccontando il Curriculum di questo segugio, una delle sue prede preferite è proprio il cinghiale. Lo è dalle sue origini o quasi e questa razza deriva, così sembra, dai Segugi importati dai Fenici in Europa, poi si è ambientato nell’area balcanica.

Non mancano ritratti di Segugio dei Balcani di secoli fa, colto al fianco di persone importanti e le descrizioni del suo aspetto sono datate perfino 1905 anche se il primo standard è stato redatto nel 1924, nel 1996 ha poi cambiato nome ufficiale diventando Segugio Serbo.

Segugio dei Balcani: allevamenti

Oggi in Italia ENCI non indica alcun allevamento per questa razza balcanica che fa fatica a crearsi un nome fuori dalla propria patria. Se ci capitasse di interessarci a un cucciolo di Segugio dei Balcani in allevamenti di altri paesi, è bene conoscere i difetti più ricorrenti tra cui troviamo misure fuori standard, coda portata alta, orecchie troppo lunghe o portate in mal modo, tartufo depigmentato, arti deboli, carattere timido o pauroso e pelo lungo.

Segugio dei Balcani tricolore

Esiste anche la versione tricolore del Segugio serbo ed è una di quelle più amate. I colori ammessi dallo standard permettono di scegliere. Ad esempio ci sono esemplari con fondo rosso-volpe oppure rosso- formentino e sulla parte superiore del tronco può essere presente una copertura più o meno sviluppata o semplicemente una sella di colore nero.

Non solo: in alcuni cani questa copertura può arrivare addirittura fino alla testa con macchie nere sui due lati delle tempie. Al di là del colore, il pelo del Segugio dei Balcani è sempre corto e folto, lucido e al tatto un po’ grossolano, sempre con il sottopelo.

Segugio dei Balcani

Segugio dei Balcani in vendita

E’ difficile trovare dall’Italia un Segugio dei Balcani in vendita, nella nostra zona, sconsiglio annunci on line non verificati di persona. Il prezzo indicativo potrebbe variare dagli 800 ai 1.000 Euro, come spesso è accade con i segugi non “particolari” ma la rarità della razza potrebbe far lievitare la cifra.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 3 ottobre 2016