Schnauzer medio nero

schnauzer medio nero

Schnauzer medio nero, un cane che arriva dalla Germania ed è noto anche in altri formati. Quello ”nano” e quello “gigante”. Al di là della misura, questa razza appartiene al gruppo cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri anche perché vi accorgerete che è sempre lo stesso cane “riprodotto” dalla natura in scala diversa. Il corpo del Schnauzer medio nero è robusto, compatto e inscrivibile quasi in un quadrato, la testa ha una forma particolare e caratteristica, un po’ geometrica ma che ispira armonia ed eleganza.



Schnauzer medio nero: caratteristiche

Lo Schnauzer medio nero è medio perché al garrese misura se maschio, dai 45 ai 50 cm, se femmina poco meno. Il tronco di questo animale è quadrato ma in equilibrio con arti e testa, compatto e muscoloso, sostenuto da arti altrettanto muscolosi, diritti e solidi con cui avanza con un passo fiero, ritmico e disinvolto.

La coda lo accompagna, è attaccata alta e resta quasi sempre all’insù, la testa è massiccia come il resto del corpo ma allungata, con uno stop marcato e un tartufo sempre nero e abbastanza ampio. Le orecchie del Schnauzer medio nero sono attaccate alte come la coda, stanno molto dritte e non sono molto lunghe, hanno una forma a V, con punta a piega.

Gli occhi sono ovali e sempre scuri qualsiasi sia la colorazione del mantello, nel nostro caso è nero quindi abbiamo un “ton sur ton”. Può essere anche pepe sale, però, ed è sempre ruvido, duro, forte e spesso, munito di sottopelo lanoso, con particolarissime barba e sopracciglia che rendono lo Schnauzer medio nero impossibile da confondere.

schnauzer medio nero

Schnauzer medio nero: carattere

Il carattere di questo cane tedesco è molto forte ma allo stesso tempo equilibrato. Lo Schnauzer medio nero, non perché nero ma perché Schnauzer, è impetuoso e si sa affezionare molto al prorpio padrone. Se la taglia small è di solito più adatta a fare da cane da compagnia, la nostra “M” più spesso viene utilizzata per la guardia, la “XL” per la difesa.

Resta sempre costante il fatto che si tratta di una razza di cani molto intelligenti e facilmente addestrabili, ubbidienti e adatti ai bambini. Con gli estranei sono diffidenti, non danno subito confidenza, devono studiarne le intenzioni. Lo Schnauzer medio nero si adatta anche in appartamento, se ha spazio, ma è meglio in una casa con giardino.

schnauzer medio nero

Schnauzer medio nero cuccioli

I cuccioli di Schnauzer medio nero sono i primi cuccioli di Schnauzer perché quelli del gigante e del nano sono arrivati dopo, tutti hanno origini molto antiche e in comune con i Terrier. Entrambi i cani sono nati per dare una mano ai cacciatori, i Terrier hanno proseguito la loro carriera mentre lo Schnauzer medio nero ha intrapreso una diversa strada diventando un cane da guardia e difesa. Lo troviamo in moltissimi dipinti e stampe già del XVesimo secolo, al fianco di cavalli e diligenze, oggi lo troviamo in tanti ritratti di famiglia al fianco di bimbi e suocere.

Schnauzer medio nero allevamenti

In Italia questa razza è piuttosto nota e diffusa, di allevamenti che se ne occupano, ce ne sono una trentina a quanto riportato dal sito di ENCI, molti di questi hanno anche la taglia “M”. Le regioni italiane con più allevamenti sono la Lombardia, con 7 strutture, e il Piemonte, con 6, al terzo posto ci sono a parimerito, Sicilia e Marche con 3.

schnauzer medio nero

Schnauzer medio nero: prezzo

Il prezzo di un esemplare di Schnauzer medio nero si aggira attorno ai 1000 euro. Molto diende dal pedigree di ogni cane e dall’uso che si desidera farne. Ci sono difetti ricorrenti, ad esempio, che non sono graditi dai puristi ma che chi tiene in casa questo cane per una questione di compagnia, può benissimo tollerare. La mascella deviata, le orecchie portate male, l’occhio chiaro, il pelo troppo lungo o liscio, la testa piccola o gli arti non in appiombo. Nulla di imperdonabile per un magnifico cane intelligente come questo.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest 

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 30 ottobre 2016