Salviettine per cani

Salviettine per cani

Un po’ per l’odore, un po’ per il lato estetico e in parte anche sperando che se sono più puliti sono anche più sani, possiamo trovarci a usare delle salviettine per cani. Sono davvero utili? Come sceglierle e perchè? Vediamo cosa ne pensano gli esperti e anche chi ha provato “sul campo” questa soluzione non sempre apprezzata dai nostri compagni di strada a quattro zampe. Alcuni le interpretano come una carezza profumata e fresca, altri invece si sentono derubati del proprio odore e non gradiscono affatto che si usino salviettine sul loro pelo.



Una cosa è certa, in ogni stagione ma soprattutto in quelle più calde c’è la necessità di pulire ogni giorno zampette e parti intime e non si può usare la canna dell’acqua del giardino, ammesso di averne uno, come se nulla fosse. Le salviettine per cani possono essere una soluzione in alcuni cani, ammesso che le si compri della giusta marca e con le corrette caratteristiche per non risultare sgradite, per non essere interpretate come un’arma del nemico.

Salviettine per cani: servono?

In parte sì, in parte no, possono anche essere dannose, tutto dipende dalla frequenza d’uso e dalla tipologia di salvietta che s’impiega. A noi verrò spontaneo pensare di poterle applicare come se fossero delle salviettine per la nostra igiene personale oppure per quella di un neonato ma non è così. Le salviettine per cani sono un prodotto speciale che non va “umanizzato”.

E’ molto importante controllare cosa contengono, oltretutto, e non farsi ingannare dai nomi e dagli aromi che possono nel caso contenere: non stiamo profumando il cane per portarlo ad un dog party ma lo vogliamo pulire e questo deve essere il nostro unico obiettivo.

Le salviette umidificate contengono sostanze chimiche, allergizzanti, conservanti e profumi che possono essere dannose anche per la pelle degli umani, se poi le pensiamo applicate alla cute dei cagnolini, la situazione non può che peggiorare. Utilizzare quelle per umani, sui cani, è decisamente proibito, ma anche tra le tante tipologie di salviettine per cani ad hoc è bene imparare a fare una attenta analisi e scegliere quelle che non creeranno irritazioni anche al cane dal manto più sensibile.

Salviettine per cani umidificate e profumate

Se per noi e la nostra igiene personale siamo liberi di scegliere le profumazioni che più amiamo, soprattutto nel caso in cui la nostra pelle non sia tra le più sensibili, non possiamo agire nello stesso modo anche per i cani. Più sono profumate, più le salviette umidificate sono da evitare.

Quando le salviettine sono umide di solito contengono del sapone ed esso deve essere tollerato dai cani che non gradiranno di certo le profumazioni che spesso ci si inventa per rendere le salviettine per cani più gradevoli per i loro padroni. Questo è il fatto: le salviettine non devono piacere a noi, non devono sovrapporre esotiche profumazioni agli odori del nostro cane per fare a noi un favore, ma devono pulire l’animale senza irritarlo, sulla pelle e in senso psicologico.

Un cane non rinuncia volentieri al proprio odore, men che meno se c’è una salviettina che minaccia di profumarlo come un bergamotto o una rosellina. Ricordiamoci che molti odori per noi gradevolissimi per il cane sono fastidiosi e irritanti, lo stesso vale per i gatti, è una questione di gusti.

Prima di passare all’opinione degli esperti un’altra piccola osservazione sulle salviettine per cani umidificate. Quando lo sono troppo o contengono dei saponi di cattiva qualità c’è il rischio che se usate spesso portino all’ingiallimento del pelo del cane che potrà diventare anche opaco. L’effetto contrario di ciò che desideriamo.

Salviettine per cani: opinoni

Personalmente non utilizzo spesso salviettine per cani nonostante ne abbia due e anche abbastanza sporchevoli, si direbbe, essendo due scatenate femmine, una dal pelo bianco e una dal pelo color panna. Ci sono però delle salviettine di qualità, inodori, molto efficaci soprattutto quando si tratta di pulire il cane e rinfrescarlo dopo una passeggiata. Sono dei prodotti utilizzati molto da chi dopo un giro al parco deve entrare in casa con il proprio cane e le zampette sono da pulire.

Possono essere usate anche per la pulizia quotidiana dei cani che arrivano ad accettarne l’impiego se noi lo facciamo passare per una carezza, una coccola, un’abitudine quotidiana. In ogni caso è sempre meglio optare per delle salviettine per cani realizzate in cotone, igienizzanti e NON umidificate che possano essere impiegate a secco o con un po’ d’acqua, per rimuovere lo sporco quotidiano ma anche per disinfettare ferite o pulire zone particolarmente delicate come occhi, orecchie e parti intime.

Salviettine per cani: le migliori

Salviettine per cani: le migliori

Vediamo tre tipologie di salviettine che possono piacere ai nostri amici. Ci sono le salviette Pogi per toelettatura biodegradabili, senza profumo, naturali, apposta pensate per i cani che sono acquistabili su Amazon, una confezione da 100 costa 15 euro.

Sempre su Amazon troviamo le salviette Camon igieniche sia per cane che per gatto, una confezione da 100 pezzi costa solo 4.50 euro e sono salviette adatte anche per i cuccioli, per l’igiene delle zone intime oltre che per il muso e il pelo in generale. Il packaging le rende adatte anche da tenere in auto per la pulizia in viaggio.

Salviettine per cani: le migliori

Le inodorina sono salviettine per cani inodori adatte anche ai gatti e che aiutano il proprietario nella pulizia quotidiana dei cuscinetti plantari, degli spazi interdigitali e delle pliche cutanee, eliminando odori sgradevoli.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+.

Pubblicato da Marta Abbà il 6 ottobre 2018