Rinnovabili, arrivano 600milioni dal Fondo Kyoto

Non importa se vuoi costruire un impianto fotovoltaico o mini eolico, ciò che conta è che tagli le emissioni nocive. Arrivano dei finanziamenti a tasso agevolato dello 0,5% destinati a persone fisiche o aziende che intendono ottimizzare la propria spesa energetica mediante l’utilizzo di fonti rinnovabili.

Impianti a celle combustibili, pannelli fotovoltaici sul condominio di residenza, mini eolico sul tetto di casa o addirittura sulla propria imbarcazione. Tutti questi sistemi possono essere costruiti utilizzando finanziamenti provenienti dal cosiddetto “fondo Kyoto”, un patrimonio che ammonta a 600 milioni di euro e che sarà disponibile dal prossimo 15 marzo.

Chi può accedere ai finanziamenti per le rinnovabili? Il fondo Kyoto è rivolto a tutti: singoli cittadini, imprese, condomini, enti pubblici, associazioni o fondazioni. Insomma, qualsiasi persona fisica o giuridica che è intenzionata a investire nel rinnovabile per uso pubblico o privato. Il finanziamento coprirà parte della spesa destinata all’acquisto e all’installazione dell’impianto, in termini pratici parliamo del 70% nel caso di persone fisiche e giuridiche, condomini e imprese. La copertura del costo mediante il finanziamento, sale al 90% quando si tratta di enti pubblici. I finanziamenti per le rinnovabili consistono in un tasso agevolato dello 0,5% per una durata massima di 6 anni per i soggetti privati e fino a 15 anni per i soggetti pubblici; i finanziamenti sono rimborsabili in rate semestrali.

Come richiedere i finanziamenti del fondo Kyoto. La domanda può essere fatta fin dal 2 marzo e non oltre il 14 luglio. La richiesta può essere fatta esclusivamente online, compilando un modulo messo a disposizione dal portale della Cassa Depositi e Prestiti che gestirà l’intero fondo Kyoto.

Pubblicato da Anna De Simone il 21 febbraio 2012