Tutti i consigli per la raccolta dei funghi

pulire funghi porcini dai vermi

Una serie di consigli per migliorare la raccolta dei funghi, dalle località più adatte per la ricerca alle buone norme da seguire.

Prima di godersi il rituale della preparazione di un buon risotto ai porcini, vi è tutto un iter da seguire, quello della raccolta dei funghi. La raccolta dei funghi richiede impegno, devozione e sacrificio: se abiti in piena città probabilmente dovrai svegliarti alle 4 del mattino, dovrai percorrere diversi chilometri in auto e seguire lunghi itinerari a piedi a caccia dei preziosi funghi.

Se sei particolarmente sfortunato, le gambe potrebbe iniziarti a cedere e le palpebre potrebbero struggersi perché dopo mezza giornata non hai trovato neanche un fungo..... mantieni la calma e non preoccuparti, sono cose che capitano a tutti ma credimi, quando la ricerca ingrana la giusta marcia, la ricompensa è unica: l’odore dei funghi appena raccolti è indimenticabile!

Informazioni e consigli per la raccolta di funghi

Il Boletus edulis, più noto come fungo porcino, è tra i più ricercati d’Italia ed è anche tra i funghi più pregiati del mondo. Hanno un sapore quasi ipnotizzante e possono arricchire brasati o essere i protagonisti di ottimi risotti. I funghi porcini, così come tutti gli altri funghi, sono facilmente deperibili quindi ti consigli di consumarli entro pochi giorni dal raccolto.

Quando raccogliere i funghi

Il periodo ideale per la raccolta dei funghi cade in autunno ma è possibile ottenere originali raccolti anche durante l’estate o in primavera. Insomma, la raccolta dei funghi varia in base all’andamento climatico della stagione, periodi con clima caldo-umido e con un’abbondante pioggia potrebbero dare vita a un buona raccolta di funghi. Dopo l’acquazzone, aspetta almeno una decina di giorni prima di andare a caccia di funghi.

Tieni presente che i funghi, soprattutto i porcini, si mimetizzano perfettamente con i colori del bosco quindi bisogna scrutare bene ogni angolo del bosco, magari osservando da diverse angolazioni. Controlla bene sotto le foglie e alla base dei tronchi.

Come raccogliere i funghi

Appena avvisti uno o più funghi, avvicinati, chinati e raccoglilo esercitando una piccola torsione alla base del gambo. Ti consiglio di riporre i funghi raccolti in un cesto di vimini dalla base larga. I secchi di plastica o, peggio, le buste, fanno ammassare i funghi raccolti e ne facilitano il decadimento in quando non consentono il passaggio dell’aria.

In più, se scopri una zona dove crescono molti funghi, usando il cesto di vimini non farai altro che migliorare la qualità e la quantità del prossimo raccolto: le spore cadono con facilità dal cesto di vimini e raggiungono il terreno dando vita, quando si ripresentano le condizione meteorologiche ideali, a un nuovo raccolto.

Per raccogliere i funghi hai bisogno dell’andamento climatico favorevole e del posto ideale.

Attenzione!
Non raccogliere i funghi troppo piccoli in quanto non hanno ancora rilasciato alcuna spora. Raccogliendo funghi ancora non ben sviluppati sottrai un’eredità al bosco.

Dove andare a raccogliere i funghi

Per raccogliere i funghi porcini, i migliori boschi sono quelli di castagni, erica e querce. Nei boschi di castagni puoi trovare soprattutto porcini di tipo boletus edulis e boletus aestivalis, caratterizzati dal tipico colore chiaro. Nei boschi di erica e querce è possibile trovare i preziosissimi funghi boletus aereus meglio conosciuti come porcini neri. Per le località specifiche ti rimando all’articolo: dove raccogliere funghi.

Attenzione ai funghi velenosi

Attenzione ai funghi velenosi: sono diversi i funghi velenosi che a un occhio meno esperto potrebbero sembrare identici ai più comuni funghi commestibili. E’ incredibile pensare che in Europa, annualmente, si registrano circa 10.000 intossicazioni alimentari causate da funghi velenosi, mentre i casi di decessi causati da funghi mortali oscillano tra i 200 e i 300 all’anno. Per capire dove andare a raccogliere funghi e avere una buona panoramica sui funghi commestibili da poter portare a casa, vi consiglio l’impiego di un manuale illustrato. Tra le varie proposte dalle librerie segnalo:

Tutto funghi. Cercarli, riconoscerli, raccoglierli 
Prezzo: 12,67 €
Contiene 200 schede illustrate con foto e foto a confronto tra funghi velenosi e funghi commestibili che si assomigliano!. Per ogni fungo sono spiegate le caratteristiche quali habitat preferito, morfologia (cappello, gambo, carne), commestibilità e/o tossicità, somiglianze e varietà, stagione di crescita, etimologia e curiosità.

Guida completa al riconoscimento dei funghi. Con DVD
Prezzo: 21,17 €
Un libro molto completo e di facile consultazione. Il manuale contiene illustrazioni e schede di riconoscimento. Anche in questo caso sono presenti schede che mettono a confronto i funghi velenosi con i corrispettivi commestibili sottolineando le caratteristiche che possono aiutare nel riconoscimento delle specie velenose. In allegato al libro è stato disposto un DVD ricco di consigli pratici per la corretta ricerca e raccolta dei funghi.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo “Funghi Commestibili

Pubblicato da Anna De Simone il 16 giugno 2015