LOVELY WASTE all’Isola Design District

lovely waste isola design district

Dal 17 al 22 Aprile nel bellissimo centro culturale multidisciplinare gestito dall’Associazione ZONA K in via Spalato 11, a Milano, si conferma la presenza di Source all’interno di Isola Design District con un evento/esposizione sull’economia circolare che coinvolgerà 43 designer e 12 aziende.

Quest’anno Source, nella nuova veste di Agenzia di servizi e comunicazione, presenta LOVELY WASTE, prototipo del servizio che Source rivolgerà alle aziende per affiancarle nello sviluppo di nuove best practices in tema di economia circolare.



LOVELY WASTE è anche il primo di una serie di eventi destinati a dare spazio a progetti e progettisti attenti alla sostenibilità (di prodotto e di processo) e alla tecnologia, due temi attraverso i quali Source continuerà a svolgere il ruolo di connettore tra designer a aziende.

Ad accogliere i visitatori in via Spalato Oxygen-18 installazione collocata all’esterno della location e realizzata da Luca Alessandrini ( http://lucaalessandrini.com/) e Giacomo Garziano ( http://gg-loop.com/). Piccola architettura eco-sostenibile realizzata con “materiali biodegradabili, altamente sostenibili e riciclabili: il guscio in legno di pino modulare, facile da assemblare, è ricoperto da fibre di cocco e juta riciclate, indurite con bio-plastica a base di amido di mais e verniciato con vernice a base d’acqua”.

LOVELY WASTE: l’esposizione

Nucleo dell’esposizione all’interno dello spazio ZONA K il progetto n. zero sul tema del recupero degli scarti di produzione sviluppato dai designer Francesco Fusillo, Alberto Ghirardello, Filippo Protasoni e Sebastiano Tonelli con/per l’azienda toscana WooClass http://www.wooclass.com/, produttrice di occhiali in legno disegnati a misura di cliente. I quattro designer coordinati dal team di Source si sono interrogati e confrontati su come suggerire nuove prospettive di sviluppo attraverso l’utilizzo di materiali (legno, metallo, pelle) attualmente destinati al macero. Un primo esperimento per arrivare a delineare la metodologia in grado di gestire gli scarti di produzione attraverso un approccio integrato di progettazione creativa e design to cost, con il fine di trasformare il costo dello scarto in nuove opportunità di ricavo e di sviluppo business.

wooclass a lovely waste

Stampi degli occhiali Wooclass realizzati in legno

 

LOVELY WASTE e la call di Source

Come sempre Source ha anche attivato una call, a cui hanno risposto in centinaia dall’Italia e dal mondo, che è servita a selezionare nuovi designer che hanno interpretato il tema sviluppandolo con approcci differenti dando vita a cinque diverse categorie di progetti: dal riuso e recupero creativo di materiale di scarto (Rigo di Alice Baldisserri, Chiara Campolmi, Giada Cantoni e Chiara Grimandi, Black Diamonds di Stefano Giovacchini, Cimosa di Giulia Ciuoli, Invaso di Federica Corona e Pietro Cristini, Perpetua di TipStudio / Imma Matera e Tommaso Lucarini, Game of Stone di Recycledstones con Josefina Muñoz, Ghigos e Labanto, Collezione 25% di Sebastiano Tonelli), alla gestione a Km0 delle risorse locali (Frau Caze di Carolin Zeyher, Intersezioni di Cristina Daminato, Materika di Stefano Prinzivalli), passando per la progettazione con materiali riciclabili e/o eco-compatibili (Myo di Chiara Caramelli, Mise di Barbara Ventura), fino a progetti che pongono l’accento sugli aspetti etici e sociali della sostenibilità (Aro di Giulia Falciani e Martina Sportelli, Alberta Florence di Giulia Mondolfi, Arbitrary di Mareike Lienau) o sulla tecnologia applicata alla produzione di oggetti d’uso comune (Lovito di Brartdesign, Keepo di Thomas Brilli).

LOVELY WASTE: i partner

Fra i partner dell’evento BLOFT collettivo capitanato da Gumdesign che mette insieme aziende e designer (aziende: BoleFloor / Hallucinated Balloons, Casini Maurizio, Coevo, Dialetto Design; designer: Aarch-Mi, Barazzuoli Marco, Binaglia Luca, Brunelli Camilla, De+Art, Gumdesign, Indastriadesign + La Tos, Isabeau, Minrl, Roberto Monte, Sgalippa Gianluca, Tessari Nicola) indipendenti che cercano, attraverso l’uso di materie prime naturali e con un approccio rispettoso delle economie locali, di portare avanti progetti di impresa a Km0 che fino a poco tempo fa venivano etichettati con il termine “autoproduzione”.

«Source d’ora in avanti farà della sostenibilità uno dei propri pilastri e il progetto Lovely Waste diventerà un servizio per supportare le aziende e avvicinare i designer alla produzione. – dichiara Roberto Rubini fondatore e project manager Source – Ci rivolgeremo a chi vorrà investire, tempo, denaro e professionalità, in un futuro rispettoso del pianeta, utilizzando noi come motore di ricerca.»

A sostegno e collaterali all’evento diverse aziende e partner che hanno creduto nel progetto. A cominciare da FIDI (Florence Institute of Design International) scuola fiorentina di Design che contribuirà all’esposizione attraverso il progetto Molletta di Hagar Bar-Gil, giovane israeliana , che ha studiato interior design a Tel Aviv prima di approdare a Firenze. Di diversa natura la collaborazione con Ugolini azienda veneta produttrice di macchine per la tintura dei filati. “Con Ugolini stiamo valutando l’ipotesi di lanciare una call per raccogliere idee sulla progettazione delle macchine, per migliorarle e renderle ancora più sostenibili”. A completare la squadra la presenza di Primato Pugliese che insieme ad Archistart (ideatori e curatori dell’evento) e con il sostegno di Distretto Puglia Creativa presentano “Red: designed by heart” una selezione di eccellenze dell’artigianato pugliese.

Tra i partner anche la neonata società di consulenza Mays International a cui Source è legata per le attività di marketing e comunicazione. Tra i progetti selezionati anche i vincitori del concorso Re-design your Future organizzato dalla rivista LegnoLab di cui Source è partner facendo parte della giuria che assegna il premio.

Tra i Media partner dell’evento il nostro sito IdeeGreen.it.

lovely waste amble

A completare LOVELY WASTE Amblè, Fresh Food (http://amble.it/) che offrirà un servizio continuativo di ristoro per un pasto semplice, sapientemente ricercato, che utilizza prodotti a KmO ed unicamente italiani. “La nostra priorità è conoscere il produttore, prima di affidarci solo ad una certificazione, lavorando con piccole aziende del territorio” e SourceConceptStore il piccolo store itinerante per andar via da Milano con un ricordo o un regalo originale e frutto di giovani designer indipendenti.

LOVELY WASTE: programma

Martedì 17 aprile, ore 18.00
Opening e Press Cocktail

Giovedì 19 aprile, ore 18.00
Talk&Drink “materiali, innovazione e sostenibilità”
Giacomo Garziano, Luca Alessandrini, Nadia Ugolini, Irene Ivoi, Stefano Giovacchini

 

Pubblicato da Matteo Di Felice il 9 aprile 2018