L’Hotel di Sale

Un meraviglioso hotel realizzato con blocchi di sale è pronto a ospitarvi nei pressi della cresta delle Ande a 350 km, a sud dalla capitale boliviana La Paz, a un’altitudine di 3.656 metri. Si chiama Palacio de Sal, letteralmente “Palazzo del Sale”, situato ai margini del Salar de Uyuni, una delle più grandi saline del mondo.

L’Hotel è stato realizzato in sale per una mera esigenza: oltre al sale, non vi sono altri materiali reperibili in zona, le alternative erano due, importare materiali edili oppure far diventare il sale l’ingrediente principale di una struttura ricettiva.

I lavori per l’allestimento del primo hotel di sale iniziarono nel 1993, nell’arco di pochi anni l’hotel divenne un punto di riferimento turistico. Il primo hotel di sale fu smantellato nel 2002; era composto da 12 camere doppie, un bagno comune e nessuna doccia…. Il sale è idrosolubile! Il primo hotel fu smantellato per problemi nella gestione dei rifiuti. Il problema ha trovato una risposta con la seconda versione che si presenta più attenta all’ambiente e più lussuosa.

GUARDA LE FOTO DELL’HOTEL DI SALE

L’attuale Palacio del Sal è stato costruito nel 2007, per raggiungerlo bisognerà arrivare alla città di Uyundi e percorrere 25 chilometri. Per la sua realizzazione sono stati impiegati blocchi di sale da 35 centimetri.

L’Hotel è interamente realizzato in sale: pavimenti, pareti, sculture e soffito. Anche l’arredo è in sale, compresi letti, tavoli, sedie e altri mobili. L’hotel di sale realizzato nel 2007 offre molte più facilities del precedente, tutte le camere dispongono di bagno privato con acqua calda e fredda, riscaldamento centralizzato e energia elettrica. E’ munito di bagno turco, sauna, varie vasche idromassaggio e una piscina di acqua, ovviamente, salata. Si consiglia di prenotare con largo anticipo, le camere sono solo 16, otto doppie e otto matrimoniali. I turisti potranno approfittare per fare una partita su un campo da golf in sale, composto da nove buche.

GUARDA LE FOTO DELL’HOTEL DI SALE

Pubblicato da Anna De Simone il 9 marzo 2013