Linea Cartina, l’ecofashion italiano

Che cosa può succedere quando si elabora per due anni un foglio di carta? Si dà forma a Cartina la Ballerina. Cartina la Ballerina, non è una bambola ne’ un giocattolo, ma una scarpa. Sì, una ballerina di carta, ma non di una carta comune, ma una carta speciale che la rende impermeabile, traspirante e riciclabile. Non solo ballerine ma anche sneakers e tanti altri accessori altamente sostenibili!

La linea Cartina utilizza la carta come materia prima. E’ resistente all’acqua, realizzata con materiali riciclabili come il polipropilene o la sua suola in TR riciclabile al 100%. Non solo, anche le confezioni sono in cartone riciclato e riciclabile per ridurre anche l’impatto del packaging. La novità non finisce qui. La scarpa, ideata da tre giovani menti lucchesi, può essere anche personalizzata.

Basta prendere un pennarello acrilico e disegnare la propria Cartina seguendo l’ispirazione del momento. Così ogni Cartina diventa Unica! Ovviamente è anche possibile incollarci sopra borchiette, paillettes, strass, fiori, bottoni o qualunque cosa vi ispiri al momento.

La collezione è già in commercio ed è molto vasta: 17 colori in linea con le tendenze della moda. Il colore principale è il bianco abbinato a 11 diverse tonalità di gros grain, tra cui anche il fluo. Altri 6 modelli sono realizzati con carta colorata in tonalità più classiche come il blu, il rosso e il tortora, per chi ama la scarpa più classica mantenendo un gusto originale.

Ci sono anche le ballerine con nastro o la chiusura da chiudere alla caviglia, oppure altre ballerine che hanno la chiusura con fori sul piede. La ballerina Cartina è possibile acquistarla nei punti vendita indicati sul loro sito o direttamente sullo store online al prezzo di 50 euro circa.

Mirko, Vanessa e Simone, i nomi degli ideatori della scarpa ballerina, non si sono fermati qui e hanno realizzato anche delle borse e dei cappelli rigorosamente in carta riciclata. Non manca la Cartina kids, la ballerina per le bambine che vogliono seguire la moda della mamma. Grazie a questa scarpa davvero originale si può camminare comodi e leggeri ma con un’impronta ecologica notevolmente ridotta.

Pubblicato da Anna De Simone il 10 ottobre 2012