L’auto elettrica che si ricarica da sola

Un campo elettrico che può alimentare le auto elettriche mentre sono in movimento? Sono già stati fatti progetti per sistemi di ricarica wireless ma vediamo che dal Giappone arriva la prima applicazione pratica con un meccanismo simile.

Le auto elettriche di prossima generazione potranno contare su un nuovo alleato, l’energia presa dal manto stradale; così, finalmente, potrà diminuire l’ansia da “autonomia della batteria“. Un team di ricercatori dell’Università della Tecnologia di Toyoshi, Giappone, ha sperimentato un sistema che consente alle auto elettriche di ricaricarsi sfruttando il principio dell’accoppiamento induttivo.

Il sistema è stato denominato EVER (Electric Vehicle on Electrified Roadway). Vediamo come funziona:
una pistra metallica è stata installata sotto 10 cm di calcestruzzo e 5 cm di asfalto. Il team nipponico è riuscito a creare un campo elettrico tra le ruote e la strada grazie al quale è stato possibile trasmettere abbastanza energia per alimentare una lampadina. Il test serviva solo per dimostrare l’efficacia del sistema EVER che ha misurato un’efficienza del 90%.

In campo pratico, gli pneumatici delle auto elettriche di prossima generazione potrebbero essere adattati e collegati al sistema di alimentazione del veicolo. Per ora gli studiosi sono riusciti a trasmettere una potenza di 50-60 watt ma il materiale usato per le strade pubbliche giapponesi aumeterà tale capacità di almeno 100 volte.

Certo non sarà facile ridisegnare l’intera viabilità per installare tali infrastrutture. Il prossimo step, almeno in occidente, prevede l’installazione di colonnine elettriche e, in Italia, anche questo va a rilento.

Pubblicato da Anna De Simone il 21 luglio 2012