L’Audi si ricarica wireless

Ci sono molti dubbi sulla sostenibilità delle vetture elettriche; ma in paesi come la Germania, dove l’elettricità per alimentare le auto elettriche deriva da un tris energetico del tutto rinnovabile, si crede molto nelle opportunità della mobilità elettrica. E’ proprio una casa automobilistica tedesca a proporre un nuovo sistema di ricarica wireless per i veicoli elettrici.

Dopo la giapponese Nissan e la tedesca Mercedes, anche l’Audi è a lavoro per perfezionare un sistema che consente ai propri veicoli di fare il pieno di energia elettrica senza la necessità di un collegamento fisico tra vettura e impianto di erogazione.

Non ci sono molte informazioni al riguardo. L’unica notizia trapelata è che il progetto della casa automobilistica tedesca si chiama “Audi wireless charging” e si basa sulla tecnologia messa a disposizione dalla WiTricity Corporation, un’azienda di Boston attiva nel settore della “tecnologia wireless“, dispositivi e processi che utilizzano una forma di trasferimento senza fili tra cui trasferimento di energia a risonanza, la soluzione ideale per non restare a secco di energia quando si viaggia a bordo di un auto elettrica.

Una tecnologia basata su brevi cicli di ricarica, con la corrente che verrà ricevuta per induzione dalla bobina installata sulla vettura grazie a un campo magnetico generato da bobine installate in vari punti strategici delle città. Ovunque si parcheggia  la batteria verrà ricaricata. Con la ricarica wireless ogni auto elettrica avrà modo di ricaricarsi lungo il viaggio semplicemente fermandosi ai semafori, nei parcheggi o con le eventuali soste agli autogrill.

L’elettricità passa da una bobina all’auto grazie a un campo magnetico alternato che viene attivato solo dal veicolo in posizione di guida. In questo modo,  non c’è alcun rischio per gli esseri umani o gli animali i quali infatti non verrebbero coinvolti dai flussi magnetici. Il problema potrebbe essere costituito dai computer di bordo della vettura elettrica ma pare che con la tecnologia utilizzata da Audi, le difficoltà trovate nel progetto di ricariche wireless della Stanford University, non si è presentato.

Il progetto di ricarica wireless di Audi punta quindi a eliminare le attese per la ricarica di un’auto elettrica: le batterie sarebbero rigenerate  durante le fasi di utilizzo della vettura, senza obbligare gli automobilisti a soste per accumuli di energia. Nonostante le interessanti premesse, il gruppo automobilistico tedesco non si è ancora sbilanciato nei dettagli riguardo le tempistiche del debutto sul mercato. Nel frattempo gli studi sono tutti mirati a creare  autostrade attrezzate che ricarichino le batterie mentre le auto sono in movimento, così da farle funzionare a tempo indeterminato. Intanto in Italia stanno arrivando gli incentivi per l’acquisto di una vettura elettrica.

GUARDA LE FOTO DELLE AUTO IBRIDE

Pubblicato da Anna De Simone il 13 marzo 2012