Latte di mandorla, proprietà nutrizionali

latte di mandorle valori nutrizionali

Latte di mandorla, proprietà, controindicazioni e ricetta per farlo in casa. Valori nutrizionali e consigli su come usarlo. Dal panetto alla ricetta per prepararlo direttamente dalle mandorle spelate. 

Il latte di mandorla è considerato un prodotto agroalimentare tradizionale italiano: è nato in Sicilia ed è diffusissimo in Calabria, Puglia e, in misura minore, anche in Basilicata e Campania.

Latte di Mandorla, proprietà nutrizionali

La media ricavata dai diversi prodotti presenti sul mercato vede una composizione del latte di mandorla così disposta e riferita a 100 ml di prodotto:

  • Calorie: 51 kcal
  • Proteine: 1 g
  • Glucidi: 6,6 g
  • Lipidi: 2,3 g
    Dei quali:
    – Acidi Grassi Saturi tot 0,6g
    – Acidi Grassi Monoinsaturi tot 1,3g
    – Acidi Grassi Polinsaturi totali 0,4g
    – Colesterolo 0 mg
    – Acido linoleico 0,39g
    – Acido oleico 1,3g.

Con un rapporto Acidi Grassi Polinsaturi/Saturi di 0,7 g.

Le proprietà nutrizionali così descritte e come si trovano sulla gran parte di portali (anche autorevoli) hanno poco senso.

Il motivo? Ogni produttore propone latte di mandorla differentemente diluito con acqua o con aggiunta di dosi differenti di zucchero. Fare una media delle proprietà nutrizionali dei tanti prodotti presenti sul mercato restituisce, al consumatore, un’informazione fuorviante. Facciamo un esempio.

Latte di mandorle Condorelli

Il famoso latte di mandorla Condorelli che si fregia della dicitura “Classico”, è, in realtà, arricchito con zucchero. In questo caso, infatti, il latte di mandorla presenta 89 calorie per ogni 100 grammi di prodotto. 3,9 g di grassi, 11,9 g di carboidrati e 11,5 g di zuccheri.

Sempre parlando del latte di mandorla Condorelli, invitandovi a leggere gli ingredienti, troverete: acqua, zucchero e solo l’11% di mandorle. Non mancano emulsionanti e aromi aggiunti.

Il latte di mandorle fatto in casa, a partire da sole mandorle, ha un contenuto calorico di circa 39 – 45 calorie per 100 grammi di prodotto, in base al contenuto glucidico delle mandorle usate.

Latte di mandorle, valori nutrizionali

In questo paragrafo vi riferirò i valori nutrizionali del vero latte di mandorle fatto in casa o latte di mandorle al naturale che potete trovare in commercio. Parliamo di latte di mandorle dato da sola pasta ricavata dalla lavorazione delle mandorle e acqua. I valori nutrizionali sono riferiti per 100 grammi di prodotto al naturale, quindi non zuccherato.

Calorie: da 39 – 45 kcal

  • Proteine: 1,55 g
  • Carboidrati: 1,52 g
    – Fibre: 0,2 – 0,5 g
    pochissime rispetto a quelle contenute nelle mandorle,le fibre vegetali non sono solubili
  • Grassi: 2,88 g
    – Grassi saturi: 0
    – Colesterolo: 0
  • Calcio: 516 mg
  • Potassio: 176 mg
  • Sodio: 19 mg
  • Vitamina A: 372 UI
  • Vitamina D: 110 UI
  • Rame: 0,07 mg
  • Biotina: 4,48 μg

Oltre ai micronutrienti qui elencati, le mandorle apportano anche buone quantità di fosforo, magnesio, zinco, rame, manganese, selenio e ferro. Tra le altre vitamine, non mancano tutte le vitamine del gruppo B (eccetto la B12), e buoni livelli di vitamina E.

Le buone qualità nutrizionali del latte di mandorla sono dovute alla predominanza dell’apporto di acidi grassi insaturi (acido oleico e linoleico). In più, il latte di mandorla è un discreto anti-ossidante grazie all’apporto di micronutrienti come il tocoferolo (vitamine E).

latte di mandorla proprietà

E’ anche vero che molte vitamine contenute nelle mandorle sono poco o nulla idrosolubili. Ciò vuol dire che restano nella frazione solida e, come le fibre, non si trasferiscono alla sospensione liquida. Per esempio, 100 grammi di mandorle contengono 23,75 mg di vitamina E, pari a coprire il 237% del fabbisogno giornaliero di vitamina E di un adulto. Il latte di mandorla, però, conserva solo una bassa percentuale di questa vitamina, circa 2 mg.

Latte di mandorle puro, dove comprarlo

Se vi state chiedendo dove comprare latte di mandorle al naturale, sappiate che se abitate in Calabria o in Sicilia, avete vita facile: ci sono piccoli produttori che propongono la vendita diretta di latte di mandorle o del panetto da sciogliere per la preparazione del latte di mandorle fatto in casa.

In alternativa potete acquistare latte di mandorle naturale sfruttando la compravendita online. Personalmente ho trovato un buon latte di mandorle su Amazon, si tratta di latte di mandorle al naturale, proprio come lo farei in casa, senza zucchero. Per renderne conveniente l’acquisto rispetto alle spese di spedizione, bisogna però comprare 8 confezioni per volta :) Così, 8 litri di latte di mandorla puro si comprano con 27,21 euro, circa 3,4 euro a confezione.

Per tutte le informazioni vi rimando a “questa pagina Amazon“. La marca è un po’ anonima (di certo non blasonata come la condorelli) tuttavia non ho trovato altri prodotti privi di emulsionanti, aromi o zuccheri. Se non vi piace la compravendita online, potete setacciare i supermercati (facendo attenzione a leggere gli ingredienti) oppure usare la ricetta per fare il latte di mandorle in casa.

Latte di mandorle, ricetta per farlo in casa

In commercio è difficile trovare latte di mandorla puro, al naturele. Come vi ho spiegato, il latte di mandorla presente tra gli scaffali dei supermercati conserva spesso una percentuale di mandorla bassissima! Quindi, al momento dell’acquisto, prestate la massima attenzione e leggete gli ingredienti.

In alternativa, potete preparare e bere latte di mandorla fatto in casa a partire direttamente dalle mandorle o dalla pasta di mandorle, ovvero dal panetto mostrato anche nella foto in alto.

Il latte di mandorla si può preparare in pochi istanti con un estrattore di succo a freddo o mediante la ricetta tradizionale che prevede l’infusione in acqua di mandorle finemente tritate.

Per preparare il latte di mandorla come infuso a freddo, occorrono 2/3 di mandorle e, chi preferisce un sapore più dolce, può aggiungere 1/4 di zucchero. Per renderlo ancora più saporito, si consiglia di aggiungere, a fine preparazione, un pizzico di sale.

La preparazione deve avvenire con mandorle fresche, se si usano mandorle secche bisognerà farle re-idratare in acqua mettendole a bagno per un paio d’ore. Nel nostro articolo-guida “come preparare il latte di mandorla” sono disponibili tutte le istruzioni su come procedere per portare a termine la ricetta. Se proprio volete aggiungere dello zucchero, in ambito domestico vi consiglio di utilizzare il fruttosio in sostituzione al saccarosio ma in dosi inferiori del 30% rispetto alla quantità di zucchero presente nella ricetta comune.

Il residuo secco avanzato dalla preparazione del latte di mandorla non va assolutamente buttato: la componente solida può essere impiegata per la preparazione di biscotti (anche crudi!) e diversi tipi di dolci e torte.

Latte di mandorle caldo

Volete consumare latte di mandorle caldo? E’ possibile ma ve lo sconsiglio. Il latte di mandorla caldo perde i suoi micronutrienti termolabili. In effetti anche quando riscaldate il latte vaccino o acquistate latte vaccino UHT (ultra high temperature) state acquistando un prodotto che ha perso la gran parte di vitamine del gruppo B. Anche la vitamina A, la vitamina C e la vitamina E sono termolabili.

Allora come usarlo? Si beve freddo o a temperatura ambiente. Accompagnato da una fetta di pane integrale arricchita con marmellata!

Nessuno vi vieta di prenderlo con muesli, cereali o frutti di bosco essiccati (è buono soprattutto fragoline, lamponi e more).

Pubblicato da Anna De Simone il 16 gennaio 2018