La Scozia fissa nuovi target energetici

In Scozia, altre 15 mila abitazioni saranno alimentate dall’energia eolica. L’impianto eolico che ha reso possibile il raggiungimento di tale obiettivo è il Little Raith Wind Farm di Fife. Il parco eolico è situato a 20 chilometri da Edimburgo e, grazie all’attività dell’impianto, il Regno Unito potrà perseverare l’obiettivo di produrre energia elettrica pulita in grado di soddisfare il 15% del fabbisogno elettrico complessivo, il traguardo è fissato entro il 2020 e rientra nell’ambito del Programma 202020 dell’Unione Europea.

L’obiettivo del Regno Unito non è l’unica ambizione scozzese. La contea di Fife ha deciso di ridurre del 25 per cento le emissioni di gas a effetto serra. Un toccasana per l’ambiente se si pensa che il traguardo è fissato per il prossimo 2013!

Il parco eolico Little Raith Wind Farm è entrato in completa attività da poco tempo. E’ di proprietà della Kennedy Renewables ed è il protagonista del debutto dell’installazione della pattaforma GE da 2.75 MW. Il progetto, ormai completamente operativo, rafforza la presenza di GE che proprio quest’anno festeggia 10 anni nel settore dell’energia eolica con 28GW di capacità installata e 18.500 turbine eoliche in tutto il mondo.

Con esattezza, l’impianto eolico Little Raith di Fife, riuscirà a soddisfare il fabbisogno energetico di 15.400 abitazioni. E’ composto da 9 turbine eoliche con un hub alto 85 metri, altezza che raggiunge i 126 metri con la massima estenzione della lama eolica. La capacità complessiva è di circa 25 MW. Secondo una stima effettuata dalla BWEA, grazie all’energia pulita prodotta presso la Little Raith Wind Farm di Fife, l’atmosfera risparmierà 762.000 tonnellate di biossido di carbonio all’anno.

Le aspettative green della Scozia non si limitano a voler tagliare le emissioni di CO2. Il governo scozzese propone un nuovo target energetico e Alex Salamond, primo ministro di Scozia, ha annunciato un pretenzioso obiettivo: soddisfare il 50% della richeista energetica del Paese con fonti rinnovabili. La dichiarazione è stata fatta durante l’ultima conferenza del settore energetico. Per ora, le stime diffuse dal Dipartimento di Energia e cambiamenti climatici, ha dimostrato che la Scozia ha tutte le carte in regola per farcela. Attualmente soddisfa il 35% del fabbisogno energetico sfruttando fonti rinnovabili.

Pubblicato da Anna De Simone il 2 novembre 2012