Katy Perry, una minaccia per la biodiversità?

Katy-Perry-semi

Se dico ROAR cosa vi viene in mente? Qualcuno penserà al verso del Leone, altri penseranno all’ultimo singolo di Katy Perry! Sì, oggi parliamo proprio di lei, mai avrei pensato di scrivere un articolo su Katy Perry nella categoria Giardinaggio di questo portale. Cosa c’entra Katy Parry con la redazione di IdeeGreen.it? No, non ci ha dedicato una canzone ma ha attuato un’idea altrettanto dolce; il suo nuovo album prevede un packaging del tutto peculiare, una custodia che incorpora semi che germoglieranno durante la prossima primavera.

L’album si intitola Prism e mentre la Star Katy lancia tweet dove invita i suoi fan a piantare quei semi per “diffondere la luce”, il dipartimento dell’agricoltura australiano lo considera un rischio per la biodiversità. In Australia l’album inizia a diffondersi senza alcuna remore -i semi sono di provenienza locale-, le autorità australiane hanno bloccato però le importazioni della versione internazionali dell’album. Il motivo? I semi contenuti all’interno potrebbero rappresentare un rischio per gli habitat a causa dell’eventuale presenza di specie potenzialmente invasive!

Le specie invasive costituiscono una grande minaccia per la biodiversità, possono devastare interi ecosistemi. Secondo “The Independent”, le copie di Prism provenienti dall’estero potrebbero essere confiscate e non passare il controllo alle frontiere.

Un prisma di semi da piantare integrato nella versione limitata della Deluxe Edition dell’Album Prism. Ma esattamente di quali semi si tratta? Nella versione australiana i semi sono delle margherite autoctone originarie della zona occidentale, le Swan River, simili a quelle da cui la popstar di Santa Barbara è circondata nella cover dell’album.

Il gesto di Katy Perry, se dai fan è stato letto come ecologista e amico della natura, dalle autorità australiane è stato visto come una minaccia alla natura! Ciò che c’è di certo è che a poco tempo dal debutto l’Album Prism era già campione d’incassi in ben 69 Paesi!

Pubblicato da Anna De Simone il 10 novembre 2013