Come costruire un sistema di irrigazione a goccia per l’orto

I sistemi di irrigazione a goccia hanno numerosi impatti positivi sia per l’orto che per il giardino fiorito.  Grazie al sistema di irrigazione a goccia, l’acqua, raggiungerà le piante del nostro orto direttamente alla radice così da innaffiare l’immediato sottosuolo e risparmiare acqua e tempo. In più, con l’automazione dell’irrigazione a goccia, sarà possibile innaffiare l’orto con una certa regolarità anche in nostra assenza.

L’irrigazione a goccia è perfetta per l’orto sia in terrazzo che organizzato in aiuole: ogni pianta riceverà la giusta quantità d’acqua senza lasciare spazio agli sprechi. In commercio esistono sistemi di irrigazione a goccia di diversi tipi, quelli che vanno interrati sono più adatti al prato e al giardino mentre per l’orto è più indicata l’irrigazione a goccia data dal cosiddetto “tubo poroso” o da un sistema ancora più semplice. Il tubo poroso è costituito da una tubatura centrale che rilascia acqua attraverso dei microfori che distribuiranno l’acqua per tutta la lunghezza della tubatura centrale.

Qualsiasi sistema di irrigazione a goccia, sia per l’orto che per il giardino, dovrà disporre di un “motore programmatore”, una centralina che collegata al rubinetto consentirà di programmare le varie irrigazioni: il compito delle centraline è quello di regolare sia la frequenza sia la durata di ogni irrigazione. Il prezzo di un sistema di irrigazione a goccia per l’orto dipende proprio dalla tipologia di centralina scelta, più complessa sarà la centralina, più costoso sarà il sistema.

Come costruire un sistema di irrigazione a goccia per il proprio orto
In commercio esistono dei Kit pronti all’uso che bisogna semplicemente montare ma, per allestire un sistema di irrigazione a goccia per l’orto in modo autonomo, dopo l’acquisto della centralina sarà necessario acquistare un tubo in polietilene e un tubicino capillare da 1/4 di pollice. Serviranno dei raccordi e dei gocciolatori.

La quantità dei gocciolatori varia in base al numero di piante da irrigare. Mediante una fustella dovrete forare il tubo in polietilene in corrispondenza di ogni deviazione idrica, in ogni foro si dovrà inserire un raccordo. Per ogni raccordo occorrerà agganciare un pezzo del tubicino da 1/4 di pollice. La lunghezza del tubicino dovrà permettere di raggiungere la pianta da irrigare dal tubo principale.

Collegate al tubicino capillare un gocciolatore da inserire nel vaso o nella pianta del vostro orto, il gioco è fatto! E’ chiaro che se non intendete programmare le irrigazioni potete fare a meno della centralina e collegare il tubo in polietilene direttamente al rubinetto.

Pubblicato da Anna De Simone il 9 giugno 2013