Invecchiamento cellulare: come combatterlo

Invecchiamento cellulare

Senza voler combattere il trascorrere del tempo, stile Don Chisciotte e i mulini a vento, possiamo invece opporci all’invecchiamento cellulare precoce facendo in modo che il nostro corpo porti sì i normali segni dell’età ma non una ruga di più del dovuto, Tutto questo senza stress e senza privarsi dei piaceri della vita perché non c’è nulla di peggio dell’invecchiare con una sensazione di sacrificio continuo che non farebbe che renderci frustrati o rancorosi.



Vediamo ora qualche trucco per combattere l’invecchiamento cellulare o per prevenirlo, sempre stando nell’ambito dei rimedi naturali, in questo caso è più che azzeccato dire che si tratta dei classici rimedi della nonna. Una nonna giovanile.

Invecchiamento cellulare: idratazione

L’idratazione è importante a tutte le età, non solo all’avvicinarsi della terza età, ed è per questo che quella di bere tanto deve essere una abitudine di tutti, da subito, anche da bambini. E’ vero anche che invecchiando si tende a bere meno per cui a maggior ragione è necessario stare in allerta da questo punto di vista. Quando non ci idratiamo abbastanza la nostra pelle ne risente e si vede subito: inizia a perdere vitalità, elasticità e tende a diventare secca.

In queste situazioni se avviene la comparsa delle rughe esse risultano particolarmente visibili e non mi riferisco solo alle rughe del viso ma a quelle in tutto il corpo.

I segni del tempo su un corpo disidratato si vedono molto di più, senza contare che una mancanza di acqua nel corpo porta a dei problemi anche a livello di salute. Se si vuole combattere quindi l’invecchiamento cellulare è bene appuntarsi di bere molto, due litri al giorno di acqua, partendo dal mattino, momento in cui un grande bicchiere di acqua ci aiuta a cominciare la giornata già bene, con un sorriso con meno rughe possibili se non quelle che mostrano la nostra felicità quotidiana.

Invecchiamento cellulare

Invecchiamento cellulare: mangiare sano

Mangiare sano è certamente un modo ottimo per ritardare il più possibile l’invecchiamento in modo naturale. Per aumentare l’effetto oltre che mangiare sano è il caso di mangiare in modo vario. Con il passare degli anni si cede spesso all’abitudine, infatti, tendendo a nutrirsi sempre degli stessi alimenti non tanto perché si è schizzinosi ma per pigrizia mentale. Non arrendiamoci e continuiamo a sperimentare, dando preferenza a cibi ricchi di sostanze che combattono, guarda caso, l’invecchiamento cellulare precoce.

Tradotto significa non solo le uova, la carne, il pane bianco e i latticini ma anche verdure e cereali, cibi ricchi di antiossidanti. Non scordiamoci di fare il pieno di calcio per una pelle sana e giovane ma anche per uno stato di salute generale migliore. Da evitare, nella nostra dieta sana e varia, i cibi pronti, sintetici e super raffinati.

Invecchiamento cellulare: buon riposo

Senza diventare dei pigroni patentati ma impariamo a riservarci i giusti momenti di riposo per riprendere le forze e far riposare anche la pelle. Quando si forme la pelle, e tutto il resto del corpo, si rigenera, ma è essenziale dormire bene, per farlo ecco qualche consiglio nell’articolo dedicato: come dormire bene.

Invecchiamento cellulare: buon riposo

Invecchiamento cellulare: attività fisica

Non è in contrapposizione con quanto appena detto, anzi, dormire bene serve anche per essere arzilli durante la giornata e potersi dedicare ad un po’ di attività fisica che serve molto per contrastare l’invecchiamento cellulare. L’attività fisica favorisce il corretto funzionamento del nostro sistema linfatico che difende e ripulisce il nostro organismo, inoltre, ed è una azione molto importante se si pensa a quanto inquinamento assorbiamo durante la vita quotidiana soprattutto se viviamo o lavoriamo in una grossa città.

Un po’ di moto, regolare, costante e senza strappi, migliora il funzionamento del cuore, la circolazione del sangue e la nostra respirazione. In certi casi, se serve, aiuta a perdere peso, in generale lo tiene sotto controllo in modo da non diventare un anziano sovrappeso, condizione poi più difficile da gestire sotto molti punti di vista.

Non scordiamoci di precisare come fare attività fisica abbia anche ottimi riscontri sull’umore: producendo più endorfina si ricava una sensazione di benessere e si tiene lontana anche la depressione. E’ provato, e lo potete sperimentare voi stessi, che le persone fisicamente attive sviluppano un mood positivo e sono più raggianti delle altre, in viso e dentro. E’ il miglior modo di invecchiare lentamente e bene.

Invecchiamento cellulare: meditazione

Bastano 15 minuti di meditazione ogni giorno per bloccare l’invecchiamento cellulare precoce: che ne dite? Ne vale la pena? Almeno di provare sì, direi, perché la meditazione ci può aiutare anche a vivere meglio tutti i cambiamenti fisici e psicologici a cui si va incontro con il passare degli anni. La meditazione, senza per forza seguire dei corsi ma anche fai da te, è un’ottima pratica per diminuire lo stress, rilassarsi e ridurre i radicali liberi che sono i nemici di chi desidera invecchiare bene.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 13 ottobre 2018