In giro per i vigneti bio d’Italia

I viticoltori bio non si impegnano solo alla coltivazione dei vigneti, ma anche a minimizzare l’impatto della propria attività sul territorio. La loro è una scelta che implica rispetto per l’ambiente e per il consumatore, offrendo ai propri clienti un vino privo di sostanze dannose per la salute e gli ecosistemi naturali.



Alla base di tutto il lavoro c’è la vigna: per fare vino biologico, è necessario partire da uva sana e di buona di qualità, quindi il processo di vinificazione in bio inizia proprio dal lavoro in vigna.

Ecco una lista di vigneti dove poter gustare primizie autunnali. L’azienda agricola biodinamica Cefalicchio a Canosa di Puglia (BA),  ogni fine settimana organizza visite guidate a vigne e cantine con degustazione di vini biologici. Nella visita guidata è anche previsto il pranzo nella villa padronale della tenuta. La tenuta dispone anche di una SPA dove poter fare un percorso di vino terapia.

In Piemonte possiamo degustare i vini del Bioagriturismo Tenuta Antica nel cuore della Langa Astigiana. Il Bioagriturismo è circondato da vigneti e boschi, da un frutteto, un orto e un noccioleto. La struttura offre week-end natura dove potrete visitare i vigneti e partecipare ai momenti del ciclo produttivo della campagna.

Per gli amanti del Chianti?
Nel Chianti, vicino a San Gimignano, in località Capezzano , troviamo l’agriturismo Poderi Arcangelo circondato da vigneti dove si producono vini famosi come: Chianti dei colli senesi DOCG, il Vernaccia DOCG, il Vinsanto DOC e olio extravergine di oliva. C’è la possibilità di fermarsi per un week end nell’ex fienile del podere, ristrutturato secondo la bio edilizia con l’arredamento che rispecchia i principi del feng shui: letti in legno naturale di eucalipto senza parti metalliche né colle sintetiche.

Spostandosi molto a sud, arriviamo in Sicilia nell’azienda Bio-Agrituristica di Torre Vendicari con i suoi 18 ettari di coltivazione biologica di olivi, aranci, limoni e vigneti da dove nasce il vero nero d’Avola da gustare tra un piatto e l’altro. L’agriturismo infatti offre ottimi piatti tipici della cucina siciliana.

A questo punto non rimane che organizzarsi per le campagne d’Italia e gustare le prelibatezze che la nostra terra ci offre sorseggiando del buon vino bio.

Foto | italgrob.it

Pubblicato da Anna De Simone il 11 ottobre 2012