Honda e: la nuova city car elettrica sportiva

honda e elettrica sportiva

Honda e è la nuova city car elettrica con vocazione sportiva lanciata sul mercato da Honda, destinata a segnare un nuovo passo avanti nel percorso inarrestabile che porterà in pochi anni a sostituire con auto elettriche o ibride la quasi totalità dell’attuale parco auto circolante in Italia.

In questo articolo potrete leggere le mie impressioni sulla Honda e dopo alcune ore di test su strada, effettuato nella giornata del 2 settembre 2020, nelle vicinanze del Parco Nord di Milano, un importante polmone verde di Milano in cui svolgo spesso i miei allenamenti di corsa a cui sono particolarmente affezionato. Percorrere i viali intorno al Parco a bordo della silenziosa Honda e a zero emissioni e scattare le fotografie che trovate in questo articolo è stato veramente piacevole.



Honda e: la filosofia dell’auto

Per valutare pregi e difetti di un’auto in modo sensato bisogna partire dalle esigenze che l’auto stessa punta a soddisfare e a cui deve essere data risposta in ogni caratteristica e funzionalità.

Per questa ragione mi piace utilizzare il termine “filosofia” che comprende l’insieme dei principi, delle idee e delle convinzioni con cui l’autovettura è stata concepita.

La Honda e nasce dall’esigenza di minimizzare l’impatto sull’ambiente per garantire spazi più puliti in cui vivere e lavorare, utilizzando la tecnologia per offrire risposte funzionali e convincenti.

Vi ricordo che Honda si è impegnata a far sì che tutti i suoi principali modelli di autovetture diventino elettrici o ibridi entro il 2022. Una scelta importante che testimonia un impegno concreto finalizzato a tutelare l’ambiente.

La filosofia della Honda e è quindi quella di una city car 100% elettrica, con un design retrò e un aspetto compatto, ma allo stesso tempo dotata di una grande agilità e di uno scatto bruciante, soprattutto quando si attiva la modalità “Sport”.

La tecnologia avanzata di cui è dotata l’auto e le funzionalità di connessione al web e ai device del guidatore o del passeggero sono un punto di forza evidente fin dall’istante in cui entrate nell’abitacolo.

La strumentazione della Honda e

Appena sono entrato nell’abitacolo della Honda e ho subito capito di trovarmi all’interno di una vettura veramente innovativa, in cui la tecnologia è assoluta protagonista.

Come potete vedere dalla foto qui sotto la plancia digitale comprende tutta l’ampiezza del cruscotto, evidenziando un doppio schermo touch LCD da 12,3’’.

Pensate che l’immagine di sfondo può essere personalizzata con una foto a piacere così da avere una plancia del tutto personalizzata.

Tra le tante funzionalità disponibili vi segnalo: il sistema di Infotainment dotato di Assistente Personale Honda, il sistema di Intelligenza Artificiale che debutta sulla gamma Honda, la possibilità di connettere il vostro Smartphone (Apple o Android) via bluetooth o tramite cavo USB e di usufruire di tutte le funzionalità della nuova App My Honda+ con numerose funzionalità utilizzabili da remoto.

cruscotto honda e

La strumentazione digitale mi è sembrata molto completa e intuitiva da utilizzare: considerate che nella Concessionaria dove ho ritirato l’auto per la prova mi hanno consegnato le chiavi senza particolari spiegazioni sul funzionamento dell’infotainment, eppure in pochi secondi ho connesso il mio iPhone, impostando una destinazione di prova dall’App Google Maps del mio iPhone e visualizzando su uno dei due display il percorso con tutte le informazioni.

Ho trovato molto utile anche il pulsante per scambiare le schermate dei due pannelli, dal lato guidatore al lato passeggero, potendo in questo modo “commissionare” a chi mi stava accanto la selezione del canale radio o della playlist da riprodurre caricandola dal mio iPhone.

La strumentazione digitale e le funzionalità di connettività hanno lasciato “ammirato e sbalordito” anche mio papà, che mi ha accompagnato per parte della prova, con i suoi 85 anni e molti più km di esperienza di me alla guida, avendo lavorato come istruttore di guida per oltre 30 anni.

L’unica sua perplessità ha riguardato la presenza di un’infinità di scritte in lingua inglese sui vari comandi e sull’interfaccia digitale: “Qui servirebbe un traduttore per chi non sa l’inglese come me!” mi ha detto!

In realtà i menu di navigazione sono tradotti in italiano ma effettivamente per chi non è abituato come me e come la maggior parte di noi a vivere in un mondo ormai pieno di inglesismi ormai diventati di uso comune l’osservazione non è fuori luogo!

honda e google maps

La visualizzazione di Google Maps sul display LCD lato guidatore

My Honda + e Honda Personal Assistant

Purtroppo non ho potuto testare l’innovativo assistente vocale Honda Personal Assistant, in quanto disponibile solo a fronte del pagamento di un canone di abbonamento ad hoc. L’Assistente Personale Honda può essere attivato usando la propria voce ed è in grado di avviare un dialogo spontaneo grazie alla tecnologia di comprensione del linguaggio. Il guidatore potrà così chiedere le previsioni meteo, cambiare canale radio, far partire direttamente la canzone preferita della propria playlist o trovare il più vicino ristorante semplicemente utilizzando comandi vocali, restando concentrato sulla guida ed evitando distrazioni. Un bel contributo per una guida più sicura!

Grazie all’App My Honda +, scaricabile su sistemi operativi Android o iOS, potrete invece utilizzare il vostro smartphone anche per pianificare i tempi di ricarica della batteria, chiudere i finestrini dell’auto e addirittura preriscaldare l’abitacolo dell’auto, funzionalità decisamente utile nelle fredde giornate invernali.

Sistema di retrovisori digitali

Tra le innovazioni tecnologiche che più mi hanno colpito positivamente segnalo il sistema di retrovisori digitali che sostituisce gli specchietti retrovisori tradizionali.

Come forse avrete già notato dalla foto della plancia che ho proposto sopra e come potete vedere ancor meglio qui di seguito dalle due foto che ho scattato nel corso della mia prova, sia gli specchietti retrovisori laterali che lo specchietto centrale sono stati sostituiti da telecamere ad alta definizione che restituiscono immagini molto nitide (i tecnici Honda mi garantiscono che le immagini restano ottime anche con la pioggia o di notte, anche se non ho potuto testarli di persona in queste condizioni nella mia prova che ho effettuato di giorno e in assenza di condizioni meteo avverse).

I due retrovisori digitali laterali offrono numerosi vantaggi: riducono l’ingombro laterale, facilitando il parcheggio o l’ingresso all’interno di un box, riducono la resistenza aerodinamica della vettura facendo aumentare l’autonomia e riducono il rumore del vento.

In generale si riduce il rischio di urti accidentali nelle strade strette o in situazioni di traffico cittadino.

Il retrovisore centrale digitale è provvisto di una doppia funzione: può essere utilizzato in modalità telecamera o come tradizionale specchietto grandangolare con tecnologia antiabbagliamento.

retrovisore digitale honda e

Il retrovisore laterale lato guidatore della Honda e

 

retrovisore honda e

Il retrovisore digitale centrale a doppia funzione della Honda e

Sistema di parcheggio automatico Honda Parking Pilot

Tra le funzionalità tecnologiche disponibili nella versione Advance della Honda e che ho avuto a disposizione per la mia prova su strada segnalo il sistema di parcheggio automatico Honda Parking Pilot capace di parcheggiare in modo del tutto autonomo l’autovettura, grazie a 4 telecamere e a 12 sensori sonar.

Se preferite parcheggiare da voi l’auto potete comunque affidarvi agli indicatori di traiettoria che vi guideranno secondo dopo secondo nelle fasi del parcheggio, in tandem con gli allarmi sonori che si attiveranno qualora vi avviciniate troppo a una parete o a un ostacolo.

Nella foto qui di seguito potete vedere gli indicatori di parcheggio, linee di colore arancio visualizzate in sovrapposizione alla vista delle telecamere digitali ad alta risoluzione.

indicatori parcheggio

Raggio di sterzata e volante della Honda e

Guidare nel traffico la nuova Honda e mi è sembrato subito agevole: ho trovato il volante molto preciso e quando si deve effettuare un’inversione il raggio di sterzata di soli 4,3 metri semplifica le cose.

raggio di sterzata

Il raggio di sterzata della Honda e è di soli 4,3 metri

Sul volante della Honda e sono presenti numerosi comandi tra cui quelli per personalizzare i dati visualizzati nello schermo digitale, dove possono comparire le informazioni relative a velocità, autonomia residua della batteria, consumo, indicatore cinture di sicurezza e molti altri dati da scegliere in base alle proprie preferenze.

Sul volante sono anche presenti i comandi per avviare e gestire il cruise control, un altro utile ausilio per ottimizzare la guida.

Di ottima fattura anche l’imbottitura che garantisce una presa perfetta.

volante Honda e

Cambio della Honda e

La Honda e non dispone di un vero e proprio cambio automatico ma di un selettore di marcia, estremamente semplice da utilizzare.

Ecco l’elenco dei pulsanti, analoghi a quelli in uso su altre auto elettriche:

P per la posizione di parcheggio

R per innestare la retromarcia

N per tenere l’auto in folle

D per la guida.

Si aggiunge un tasto con l’icona di un “piede su un pedale” per innestare la modalità di guida semplificata a pedale unico, con cui è possibile guidare l’autovettura utilizzando esclusivamente l’acceleratore (premendolo l’auto accelera, rilasciandolo l’auto frena fino ad arrestarsi completamente).

Più sotto alla console troviamo il tasto per innestare il freno di stazionamento (freno a mano) e una levetta per selezionare lo stile di guida “Normale” o “Sportivo”.

cambio Honda e

Accelerazione e velocità massima della Honda e

La Honda e ha una vocazione sportiva, soprattutto se selezionate la modalità “Sport”.

L’accelerazione che ho ovviamente testato di persona, è veramente bruciante: da 0 a 100 Km all’ora in meno di 9 secondi!

Coppia massima del motore elettrico 315 Nm.

La velocità di punta è invece di 145 Km/h, più che sufficiente anche in autostrada (e al di sopra dei limiti di velocità consentiti in Italia), anche se indice della vocazione più da “city car” di questa vettura.

Dotazioni di sicurezza della Honda e

La Honda e dispone di sistemi di sicurezza all’avanguardia che sfruttano al massimo le tecnologie attualmente disponibili.

Non solo una completa serie di airbag frontali, anteriori e a tendina, ma anche numerose soluzioni di sicurezza attiva, di serie su tutte le versioni. Tra queste troviamo:

  • Cruise control adattivo con mantenimento distanza a bassa velocità
  • Sistema di frenata a riduzione d’impatto
  • Limitatore intelligente di velocità
  • Sistema di mantenimento della corsia
  • Sistema di mitigazione abbandono della carreggiata
  • Riconoscimento segnaletica stradale
  • Avviso di partenza dell’auto che precede
  • Gruppi ottici automatici

 

Honda e: motore e autonomia

La Honda e è equipaggiata con un motore elettrico alimentato da una batteria agli ioni di litio da 35.5 kW/h raffreddata ad acqua per ottimizzare l’efficienza e ridurre al minimo l’ingombro. La trazione è posteriore.

L’autonomia con una ricarica completa può arrivare a 222 Km nella versione con cerchi da 16’’ e a 210 Km nella versione opzionale con cerchi da 17’’.

Honda e: come ricaricare la batteria e in quali tempi

La ricarica della batteria della Honda e risulta estremamente semplice e intuitiva grazie alla porta di ricarica

posizionata al centro del cofano che permette un immediato accesso da entrambi i lati dell’auto.

La porta è provvista di una luce a LED integrata che indica chiaramente lo stato della ricarica e di un blocco di sicurezza per il cavo di alimentazione così da prevenire ogni rimozione accidentale durante l’uso a seguito di urti involontari.

I tempi di ricarica variano a seconda del caricatore utilizzato: con un caricatore rapido attaccato ad una colonnina da 50kWh è possibile raggiungere rapidamente l’80% della capacità della batteria in appena 31 minuti.

Se ci pensate, è meno di quanto ci si impiega a ricaricare uno smartphone!

Per quanto riguarda la ricarica domestica i proprietari di Honda e possono caricare fino al 100% della capacità in 4,1 ore* con un’alimentazione da 32 A, tempi notevolmente più brevi rispetto a quelli offerti da una normale presa a muro.

Nell’infografica che segue, tratta dalla brochure ufficiale di Honda e, trovate una comparazione sui diversi tempi di ricarica nelle diverse situazioni.

tempi di ricarica Honda e

Le batterie della Honda e sono coperte da una garanzia di otto anni o 160mila chilometri.

Fattori come il caldo estremo, il freddo e la tipologia di ricarica sono tutti fattori che possono determinare una durata più o meno lunga della batteria.

Ovviamente e come già anticipato sopra in questo articolo, lo stato di carica della batteria è costantemente monitorato e il display situato dietro al volante permette di conoscere in ogni istante l’autonomia residua, esattamente come una normale auto a benzina.

Prezzo della Honda e

Il prezzo di listino della Honda e è di 35.500 euro per la versione da 136 CV e di 38.500 euro per l’allestimento Advance.

Sito ufficiale per maggiori informazioni sulla Honda e

Per leggere maggiori informazioni sulla Honda e, per restare aggiornato su tutte le novità per le ultime notizie, per informazioni sui contributi per la rottamazione o l’acquisto a rate potete accedere a questa pagina del sito ufficiale Honda.

 

Fotografie della Honda e

Qui di seguito vi propongo altre foto della Honda e che ho scattato nel corso della mia prova…

Honda e frontale

Vista frontale della Honda e con mio papà comodamente seduto sul lato passeggero

telecamera Honda e

Dettaglio della videocamera ad alta definizione sulla portiera del guidatore

posteriore Honda e

Il posteriore Honda e

 

bagagliaio honda e

Il bagagliaio della Honda e

 

cavi ricarica Honda e

Cavo di ricarica e dotazione di emergenza della Honda e

 

cuore honda e

Il cuore della Honda e sotto il cofano anteriore e, al centro, il vano per la ricarica

 

penumatico cerchione Honda e

Uno degli eleganti cerchi della Honda e su pneumatico Michelin Pilot Sport

Pubblicato da Matteo Di Felice il 8 Settembre 2020