Heineken Ignite, la birra interattiva

Un paio di birre con gli amici, ecco ciò che serve per rilassarsi dopo una lunga giornata… L’Heineken ha ben pensato di creare l’atmosfera giusta con il lancio di una birra intelligente. Il produttore di birra tedesca ha deciso di sfruttare la tecnologia a LED per le sue bottiglie di birra edizione “Heineken Ignite” che grazie alle luci ad alta efficienza riescono a ricreare, ovunque, un’atmosfera da un club notturno.

L’Haineken descrive la sua edizione Ignite come le prime bottiglie interattive: quando si brinda, facendo “tintinnare” una bottiglia contro l’altra, i sensori wireless dell’Haineken Ignite attivano i dispositivi a LED che si illuminano regalando un’atmosfera magica.

Le bottiglie dell’Haineken Ignite sono state realizzate grazie alla tecnologia della stampa 3D. L’azienda ha fatto stampare dei piccoli alloggi che, incorporati nel fondo della bottiglia, riescono a illuminare la birra senza alterare la classica forma della bottiglia.

Come funzionano le bottiglie Heineken Ignite?
Ogni bottiglia incorpora 8 luci a LED, un microprocessore da 8 bit, un accelerometro per percepire il brindisi e attivare i LED, un giroscopio, una batteria e un ricetramettitore di rete wireless con antenna! Tutto questo è montato su un circuito personalizzato che è poco più grande di una moneta da 2 euro.

L’idea delle bottiglie Ignite nasce per consentire ai ragazzi di interagire durante le serate passate nei locali notturni: basta un brindisi e parte l’interazione! Le 8 lucine a LED riescono a illuminare completamente la bottiglia grazie al contenuto, infatti la birra sarà arricchita di ingredienti speciali che ne aumentano le bollicine (probabilmente anidride carbonica e ossigeno).

Grazie a un software appositamente sviluppato, tutte le bottiglie possono essere attivate instantaneamente a distanta, ciò consente di sincronizzare tutte le bottiglie che potrebbero così, illuminarsi a intermittenza a tempo di musica! Le bottiglie di Heineken Ignite ha debuttato in occasione del Salone del Mobile di Milano 2013, in edizione limitatissima di 200 unità.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 16 aprile 2013