Gelsomino che non fiorisce, cosa fare

gelsomino non fiorisce

Gelsomino che non fiorisce: gli accorgimenti da attuare nella coltivazione del gelsomino quando questa pianta non produce fiori.

I consigli che troverete in questa pagina valgono sia in caso di falso gelsomino che non fiorisce sia in caso di vero gelsomino che non produce fiori. Prima di entrare nel vivo della questione facciamo una breve panoramica sulle due piante e la loro coltivazione.

Differenza tra falso gelsomino e gelsomino vero

Il Gelsomino botanicamente Jasminum, differisce dal falso gelsomino (Trachelospermum Jasminoides) per diverse caratteristiche. Per distinguere un gelsomino da un falso gelsomino osservate le foglie: il gelsomino Jasminum presenta foglie più chiare e meno lucide rispetto al falso gelsomino che ha foglie leggermente cerate. In più, anche i fiori sono differenti anche se entrambi hanno 5 petali, quelli del falso gelsomino sono più allungati.

Differenza fondamentale è che le due piante appartengono a famiglie differenti: il gelsomino vero appartiene alla famiglia botanica delle Oleaceae mentre il trachelospermum Jasminoides (falso gelsomino) appartiene alla famiglia delle Apocynaceae. Nonostante queste differenze si può dire che le due piante hanno necessità affini, ecco perché questa guida può essere applicata sia se il problema della mancata fioritura si presenta sul falso gelsomino sia se a non fiorire il gelsomino “vero”.

Gelsomino che non fiorisce, le cause

Tra le differenze vi sono alcuni fattori da non sottovalutare che potrebbero causare la mancata fioritura.

Il terreno
L’unica cosa da considerare in caso di scarsa o fioritura assente per più anni di fila, è la reazione del suolo: il falso gelsomino riesce a tollerare bene terreni leggermente calcarei mentre il gelsomino Jasminum è, per definizione,  una pianta acidofila (per approfondimenti, leggete la pagina “piante acidofile cure) quindi necessita di un terreno a pH tendenzialmente acido.

Il falso gelsomino tollera il freddo invernale mentre il gelsomino vero è più sensibile quindi potrebbe non fiorire a seguito a un inverno troppo rigido.

Il falso gelsomino teme le potature troppo estreme. Fate attenzione alle potature di contenimento che potrebbero causare stress alla pianta, rallentamenti di crescita e scarsa produzione di fiori.

Il falso gelsomino cresce bene e produce fiori in zona soleggiata o parzialmente soleggiata (mezz’ombra), è una pianta piuttosto rustica e resistente

Gelsomino che non fiorisce, cosa fare

Quando una pianta non fiorisce o non fruttifica, la prima cosa da fare è verificare che la pianta disponga di tutto ciò che le occorre per prosperare.

Verificate che siano rispettate le esigenze tipiche del gelsomino, vale a dire:

  • posizione soleggiata
  • posizione al riparo da forti venti
  • ambiente con clima mite
    (anche gli inverni non devono essere particolarmente rigidi)
  • terreno con buon drenaggio
  • terreno fertile e ricco di sostanza organica

Una volta fatte le dovute verifiche, se la pianta dispone di tutto ciò di cui ha bisogno, dovreste ipotizzare una sofferenza nutrizionale dettata da carenze minerali del suolo. Certo, non vi chiederò di fare un esame della fertilità del suolo, semplicemente provate a somministrare dei fertilizzanti specifici per la vostra pianta.

Concimazioni extra
Per innescare una fioritura si consiglia di aggiungere al terreno di coltivazione del fertilizzante per piante fiorite con 1 o 2 concimazioni extra in primavera. Una seconda sessione di concimazione extra potete svolgerla a fine estate.

Sempre al fine di stimolare la fioritura, aggiungete del terriccio torboso alla base della pianta. Fatelo tra la fine di maggio e l’inizio di giugno.

Irrigazione e concimazione:
Il gelsomino e il falso gelsomino richiedono annaffiature regolari e soprattutto ricordate di concimarle ogni 15 giorni nel periodo che va dalla primavera a fine estate. Proprio all’inizio della primavera e alla fine dell’estate dovete esegire due somministrazioni extra con concimi specifici per la fioritura.

Per le concimazioni ordinarie:
tra i fertilizzanti presenti sul mercato, vi consigliamo di sceglierne uno liquido per piante verdi e piante fiorite come il Concime Zapi per piante verdi che assicura il giusto apporto nutrizionali a piante rampicanti proprio come il gelsomino (potete usarlo in giardino anche sulle felci, il ficus, il croton, calle e tante altre piante con foglie sempreverdi).

Pubblicato da Anna De Simone il 13 maggio 2016