Garden Sensor, l’assistenza mobile per il vostro giardino

Stagione dopo stagione vedete morire le piante del vostro giardino? Nonostante i vostri sforzi anche le piante sul balcone sfioriscono? Forse avete bisogno di un po’ d’aiuto che potrebbe arrivare sotto forma di un sensore da giardino. Tranquillizzatevi, il sensore non è troppo costoso, il prezzo di lancio si aggira dai 15 ai 25 euro.

Si chiama Garden Sensor ed è stato progettato e lanciato sul mercato dall’operatore nipponico NTT Docomo. Si tratta di un dispositivo utile per curare il vostro giardino. Ha la simpatica forma di un quadrifoglio e lo stelo va piantato nel terreno così da rilevare i livelli di umidità, di irradiazione solare e altri dati utili che saranno raccolti dal sensore e inoltrati direttamente sul vostro cellulare mediante rete Wi-Fi, quindi alcun costo aggiuntivo è previsto per la trasmissione dei dati.

Il Garden Sensor suggerisce all’utente quando è il momento di annaffiare il proprio giardino, oppure quando è il momento adatto per effettuare il raccolto. Dopo un anno di test, il Garden Sensor è pronto per il debutto sul mercato, a credere maggiormente nel progetto sono le aziende Sakata Seed e NEC. La fase di test è stata condotta da 30 famiglie Giapponesi che hanno utilizzato il sensore con molto entusiasmo.

Il Garden Sensor è correlato di applicazione per smartphone e i dati che raccoglie possono essere inoltrati a team di esperti che sono pronti a elargire consigli su come curare al meglio il giardino e quali lavori effettuare per aumentarne la fertilità e la produttività. Purtroppo il sensore non registra informazioni circa il PH del terreno, infatti non dispone di un adeguato piaccametro.

Il sensore è commercializzato solo nel Paese del Sol Levante e in attesa che debutti anche sui mercati europei, l’utente più ambizioso può pensare di acquistare diversi dispositivi: una cella solare per misurare l’irradiazione luminosa, un piaccametro per calcolare l’acidità del terreno e per l’umidità basta seguire questo nostro articolo che spiega come capire il tasso di umidità della pianta così da calcolare quanto tempo deve passare da una irrigazione all’altra.

Nella foto, lo schema di funzionamento del sensore da giardino, direttamente dal gruppo giapponese NTT Docomo.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 12 marzo 2012